Tag Archive | "offre"

iPhone: Pay&Share per gestire le spese


iPhone: Pay&Share per gestire le spese su: iPhone 5

iPhone: Pay&Share per gestire le spesePay&Share è l’applicazione per iPhone e iPad per gestire al meglio budget e spese quando si è fuori con gli amici e per sincronizzare al meglio le uscite e perchè no? le vacanze. Quando si è in tanti, la gestione della spesa generale si rivela generalmente molto più complessa di quanto non sembri all’inizio e, chi è amante della precisione deve prendere nota di tutto, conservando ricevute, fatture e conti. Al rientro poi dovrà riorganizzare tutti questi dati e suddividerli in base ai partecipanti, sottraendo eventualmente anticipi e spese individuali.

Insomma, roba da farsi spaccare la testa, ma ora con Pay&Share diventerà tutto molto più semplice e per tenere un registro di cassa precisissimo basterà il nostro iPhone o iPad. 

Pay&Share è un’applicazione universale, quindi sia per iPhone che per iPad, che si presenta con un’interfaccia molto elegante e soprattutto di facile utilizzo: basta creare un nuovo evento, che può essere una vacanza, un viaggio di lavoro o l’organizzazione di una festa di compleanno, si aggiungono poi le persone che vi prenderanno parte,  scegliendole dalla rubrica del telefono, oppure da una lista interna di Pay&Share, e, alla fine, si segnano  tutte le spese che vengono sostenute.

Per ogni voce, si possono indicare indicare data, luogo e ora e aggiungere una corta descrizione. C’è inoltre la possibilità di impostare più valute diverse, nel caso di vacanze all’estero  e attribuire un coefficiente personale ai partecipanti se, per esempio, si vuol fare in modo che i bambini paghino di meno.

Quest’applicazione offre le stesse funzioni dei più avanzati fogli di calcolo: ha infatti una calcolatrice integrata ed elabora in tempo reale i debiti e i crediti di ogni persona e il saldo finale, inoltre, può essere inviato sotto forma di email agli altri utenti, che potranno leggerlo anche se non possiedono un dispositivo Apple, da un pc normale.

Il lancio di Pay&Share capita comunque leggermente in ritardo, ora che le vacanze ferragostane sono terminate, ma si può utilizzare in tantissime altre occasioni: mancava proprio un’app così pratica e completa, sviluppata interamente in lingua italiana. La si può scaricare direttamente dall’App Store al prezzo di 4,99 euro.

Continua la lettura dell’articolo su Iphone-5.it

Posted in Iphone-5.itComments (0)

UberStrike HD (per Mac, Windows e Facebook) si aggiorna con due nuove mappe e offre il 50% di sconto sull’arma cannone


CellularMagazine.it

Titolo Free To Play disponibile nel Mac App Store per Apple, da Facebook e Windows (link diretto alla pagina web) sempre e solo online, questo fantastico titolo di guerra con partite a squadre si mantiene con acquisti in-app nel primo caso e con pagamenti con c.c. nel secondo e terzo; circa una-due volte a settimana vengono proposte offerte per acquisto di pacchetti/armi/atrezzatura e in questo caso si parla di un 50% di sconto sull’arma cannone da dare al proprio personaggio insieme a due nuove mappe in modalità allenamento e battaglie a squadre.

L’acquisto di armi non è obbligatorio per potenziare il proprio personaggio, basta iscriversi con una mail e password e si può partecipare lo stesso, è solo che così si punta solo a trovare armi in mappa e non sono minimamente potenti come quelle del negozio, dato l’elevato numero di giocatori a quel punto bisogna solo essere molto bravi nel sopravvivere; per chi non avesse mai sentito parlare del titolo ecco una serie di video presi dal canale ufficiale, colgo l’occasione per invitare a guardare bene i requisiti hardware minimi del proprio PC/Mac* anche se la maggior parte di carico di lavoro/elaborazione avviene sui server dello sviluppatore.

 

* Leggere bene i requisiti hardware minimi quì

 

 

Clicca qui per vedere il video incorporato.

 

Clicca qui per vedere il video incorporato.

 

Clicca qui per vedere il video incorporato.

 

Clicca qui per vedere il video incorporato.

 

Clicca qui per vedere il video incorporato.

 

 

Il peso del gioco istallato per la parte di “interfaccia” alla piattaforma da PC7Mac è intorno ai 100 MB, per Mac è necessario 1GB di RAM mentre per le versioni di Windows compatibili ne servono 2. Se siete dei giocatori che non si fissano troppo su un titolo non vi consiglio si spenderci molti soldi, perchè alla fine con l’evoluzione e proposta continua di titoli ogni settimana quella dopo vi dimentichereste di averlo scaricato e l’esperienza è più che sufficiente anche con le armi che trovate in mappa, mentre se vi appassiona e prende mi sento tranquillamente di dirvi che è il miglior gioco a livello di esperienza e possibilità di accesso.

Per Mac ne ho provati anche altri altrettanto validi ma oltre a essere a pagamento anche per un esperienza di gioco base (mentre questo è gratuito) non offrono l’accesso da ben tre piattaforme di gioco diverse (Facebook possiamo considerarlo così da quando ha aperto e lanciato anche questo servizio), sconsigliato solo per motivi pratici anche a chi gioca in movimento perchè serve una connessione al web continua per interagire con gli altri della squadra.

 

 

Se questo gioco è di vostro gradimento, vi invito anche a seguire:

il blog che mostra tutte le offerte inoltrate ai giocatori per email

il forum, dove iscriversi e chiedere aiuto e consigli (lingua inglese, ovviamente se incontrate degli italiani e fate fatica a parlarlo o scriverlo meglio per voi)

Post Originale: UberStrike HD (per Mac, Windows e Facebook) si aggiorna con due nuove mappe e offre il 50% di sconto sull’arma cannone su http://www.CellularMagazine.it


Continua la lettura dell’articolo su Blog Cellulari

Posted in Blog CellulariComments (0)

Samsung presenta lo smartphone Android Qwerty Galaxy Chat


CellularMagazine.it

 

Questa volta Samsung non propone un Qwerty smartphone in stile Pro con tastiera più larga che alta ma ha preferito valorizzare lo schermo da 3″ lasciando un minore spazio per la tastiera, per farmi capire meglio è come la serie Pro di Motorola ma con tutto lo stile Samsung dal colore bianco perla all’interfaccia Android ICS modificata in funzione della presenza di una tastiera fisica (può sembrare ovvio ma non per tutti, i tre pollici sono tutti per l’interazione e mai una tastiera virtuale ruberà visuale).

Da notare su indicazione di Google per Android 4 ICS che Samsung ha previsto solo tre tasti virtuali per il menù, casa e indietro anche questi fuori dallo schermo; il nome chat tra l’altro ricorda la piattaforma di messaggistica proprietaria multi-piattaforma di cui vi ho parlato qualche volta su CellularMagazine.

 

Iniziamo con le caratteristiche tecniche, importanti per gli standard della clientela e devo dire ben bilanciate con il prezzo a cui viene proposto:

 

 

a riguardo spiace costatare l’odiosa soluzione A-Gps e la risoluzione della fotocamera posteriore, un prodotto pensato per messaggiare deve poter allegare anche foto ben fatte, mi ha invece colpito in positivo la presenza di applicazioni particolari per lavoro e produttività create da Samsung, design e il tipo di prodotto: le previsioni di vendita sui Qwerty sono in salita e chi scrive tanti messaggi avere più soluzioni tra cui scegliere è una ottima cosa.

 

Il comunicato, evidenziati per saltare agli occhi i punti più importanti oltre le specifiche di cui sopra:

 

 

Samsung Electronics, leader mondiale nei media digitali e nelle tecnologie di convergenza digitale, annuncia il nuovo Samsung GALAXY Chat. Pensato per i consumatori più social, questo smartphone giovane e potente consente agli utenti di raggiungere i propri contatti in modo semplice e intuitivo.
Samsung GALAXY Chat ha un design elegante e compatto, ideale per chi è vuole distinguersi con stile. Basato sul sistema operativo Android 4.0 (Ice Cream Sandwich), combina un display touch da 3 pollici con una comoda tastiera QWERTY, per rendere la vita sociale sempre più facile e divertente.
Inoltre, sullo smartphone è precaricato ChatON, l’applicazione gratuita di Samsung ideata per qualsiasi dispositivo (smartphone, tablet e pc), sistema operativo e stile di vita che ti consente di comunicare e condividere contenuti (foto, immagini, video, documenti, animazioni e tanto altro) con tutti i tuoi contatti. Con ChatON puoi creare inoltre messaggi animati e avviare chat di gruppo. Anche gestire la posta elettronica diventa più semplice grazie a funzioni di ricerca facilitata, una barra dei menu interattiva per navigare sul web senza interruzioni e la possibilità di archiviare le mail in cartelle, per un accesso ancora più rapido e immediato. Che si tratti di scrivere e-mail, effettuare ricerche su Internet o connettersi ai social network preferiti, Samsung GALAXY Chat integra valide configurazioni per monitorare l’utilizzo dei propri dati mese per mese.
Muoversi nei menu delle applicazioni è un gioco da ragazzi grazie a icone che incorporano effetti in 3D, una barra delle applicazioni preferite completamente personalizzabile e la possibilità di ridimensionare e spostare i widget in base ai propri gusti ed esigenze. Inoltre, è possibile accedere alla fotocamera o visualizzare le notifiche in sospeso direttamente dalla schermata di blocco, e il multitasking risulta ancora più agevole grazie a funzioni come la chiusura istantanea delle applicazioni semplicemente toccando l’icona.
Samsung GALAXY Chat dispone dello speciale Game Hub, precaricato con i giochi più famosi per soddisfare la voglia di intrattenimento di tutti gli utenti; con AllShare Play si possono invece condividere i contenuti multimediali preferiti da/a altri dispositivi connessi. Per gestire al meglio il lavoro fuori casa e fuori ufficio, l’applicazione Quick Office offre una più facile visualizzazione e gestione dei propri documenti, consentendo di lavorare con Microsoft Word, Excel o Power Point, mentre l’applicazione Samsung S Planner aiuta a ricordarsi degli appuntamenti e a organizzare la propria agenda in maniera pratica e intuitiva.

Samsung GALAXY Chat sarà disponibile a partire dal mese di agosto presso le principali insegne di elettronica di consumo e operatori di telefonia mobile. Prezzo consigliato al pubblico: 139 euro (IVA inclusa).

Post Originale: Samsung presenta lo smartphone Android Qwerty Galaxy Chat su http://www.CellularMagazine.it


Continua la lettura dell’articolo su Blog Cellulari

Posted in Blog CellulariComments (0)

Considerazioni sul riacquisto di AudioBeats del 25% delle azioni vendute l’anno scorso a htc per metà prezzo


CellularMagazine.it

 

Inizio a spiegare da quanto successo nel 2011: Audio-Beats by Dr.Dre vende il 51% del valore delle sue azioni e quindi concedere il pacchetto di maggioranza e controllo dell’azienda a HTC Corporation per un esborso di 300 milioni di dollari a favore dell’americana, subito hanno iniziato a arrivare nel settore mobile smartphone come htc Sensation Xe, Xl, la famiglia One che integrato nella ui proprietaria Sense nelle rispettive diverse versioni (tra cui la 4, notizia di ulteriore approdonfimento) con questa caratteristica hardware e in parte software.

 

Notizia del primo trimestre fiscale abbassa a due cifre le vendite del produttore nel mondo, in europa e nel nostro paese; htc sembra voler continuare a puntare su Beats tanto che inizia a creare un programma di certificazione con i particolari e qualitativamente migliori produttori di casse acustiche al mondo iniziando con Pioneer Electronics (notizia dedicata) in modo da essere la prima che un domani nelle confezioni di casse audio di qualsiasi genere e dimensioni partendo da quello domestico a quello nelle macchine degli appassionati avrà il suo logo accanto a quello per iPhone e iPod Touch che nella concezione di tutti sono i player musicali per cui l’industria automobilistica ha riservato un canale speciale.

 

Di ieri le dichiarazioni ufficiali in comunicato stampa che AudioBeats per metà dei trecento milioni di Dollari che ritornano a htc riavrà il 25% del valore dell’azienda per poterla controllare, espandere e valorizzare più di quanto htc che è notoriamente impegnata in altro potrebbe fare.

Alla taiwanese rimane il 26% e l’esclusiva della tecnologia sui dispositivi mobili, ora però è tutto da vedere come Beats Electronics LLC riuscirà a rendere sempre più famosa e dare pregio al brand e a tutti i prodotti che offre che vanno dalle cuffie, auricolari, speaker e vestiti: le potenzialità ci sono tutte e per prodotti con una qualità vicino alla perfezione non c’è crisi ma ci sono tanti investimenti da fare per aprire negozi nelle principali città di tutto il mondo, capire se Nike con la sua divisione Running è un rivale o un potenziale partner cruciale per avvicinare il mercato di coloro che acquistano scarpe per la corsa insieme a player audio, valutare la concorrenza, …

 

 

Una partnership con Apple che, diciamocelo onestamente, le cuffie non sono granchè a livello estetico e non hanno grandi tecnologie hardware dietro sembra improbabile ma perchè no? Se si spendono 599 Euro per un iPhone e si vuole un suono perfetto altri 200 per l’ultimo modello di cuffie Beats dovrebbero essere uno scherzo e tornando al produttore htc potrà solo giovarne in positivo .

 

Come abbiamo visto nel 2011 tutto è iniziato e sono tate tante le notizie anche sconvolgenti, vedremo come si evolverà la situazione con orecchio da appassionati di tecnologia.

 

Post Originale: Considerazioni sul riacquisto di AudioBeats del 25% delle azioni vendute l’anno scorso a htc per metà prezzo su http://www.CellularMagazine.it


Continua la lettura dell’articolo su Blog Cellulari

Posted in Blog CellulariComments (0)

Metodi per investire online con successo


La disoccupazione in Italia aumenta e sempre più persone sono alla ricerca di metodi per investire online con la speranza di guadaganre soldi.

Proprio su internet si possono trovare molte opportunità ma è necessario prestare sempre molta attenzione.

Uno dei settori che ha riscontrato maggior interesse negli ultimi anni è quello del trading online.
Oggi è possibile fare trading online su tantissimi mercati: valute, azioni, cfd, commodity, ecc…

Se prendiamo come esempio il mercato delle valute, è possibile iniziare con mini-conti anche da 100 euro. Certo guadagnare soldi con il mercato delle valute è possibile, a patto che si sappia come operare e si tenga anche presente che è possibile anche perdere soldi.

Cosa serve per iniziare a investire online?

Per prima cosa è necessario studiare ed apprendere le basi. Per aiutarvi in questo, il sito di come investire oggi offre gratuitamente video corsi, report e altro ancora.

Il consiglio è quello di iniziare a fare trading in maniera simulata attraverso i conti demo. Gli errori che si commetteranno, saranno fondamentali per imparare a guadagnare soldi in futuro. Prima di raggiungere un strategia di investimento vincente sarà necessario un lungo periodo di prova. L’esperienza è sicuramente uno dei fattori fondamentali per aver successo nel trading online.

Posted in Investire OnlineComments (0)

Apple chiude i siti web che offrivano l’accesso alle beta di iOS in cambio di denaro


Nel mese scorso Andy Baio scriveva un’interessante storia per Wired raccontando il mondo in cui migliaia di persone vendevano l’accesso alle beta di iOS ad una lunga schiera di utenti non sviluppatori. In questi giorni è stato notato che Apple ha iniziato a chiudere tutti quei siti web in cui si trattavano tali argomenti.

Nel corso di giugno Andy Baio scriveva una storia sulla rivista Wired in cui descriveva dettagliatamente il mondo che si celava alle spalle dell’accesso alle versioni beta del sistema operativo iOS. In genere l’accesso a tali release è concesso solamente agli utenti che hanno registrato il proprio UDID (Unique Device Identifier) come sviluppatori, ovvero hanno pagato una somma di 99$ all’anno. Oltre naturalmente al device registrato, l’azienda di Cupertino offre l’opportunità di collegare anche altri 100 dispositivi provvisori, pagando la cifra una sola volta.

Come indicato, il costo per un normale sviluppatore è di 99$, tuttavia i siti in cui si vendeva l’accesso alle versioni beta offrivano il servizio ad un prezzo compreso nel range dei 10$. Leggendo l’articolo di Baio troviamo:

Per un piccolo sviluppatore le attivazioni non autorizzate potrebbero essere un business veramente redditizio, tanto che varrebbe la pena correre i rischi del caso. Leggendo i vari siti elencati è possibile visualizzare la lunga coda di persone in attesa dell’attivazione, ma sopratutto trovate un elenco di tutti i device attivati, ben 2’300 nell’ultima settimana.

Al costo di 8,99$ per ogni attivazione, i 23 sviluppatori, pagando solamente 2’277 dollari, sono riusciti a raggiungere un fatturato da 20’600 dollari. Leggendo la loro homepage è possibile notare che oltre 19’000 dispositivi sono stati attivati sino ad ora e che le attivazioni possono essere rinnovate ogni anno a costo zero, ricordando infatti che l’account sviluppatore ha durata annuale.

In seguito alla pubblicazione dell’articolo di Baio, la maggior parte dei siti web citati dallo stesso (che qui omettiamo per vari motivi) hanno misteriosamente iniziato a chiudere, tanto che molte persone si sono domandate se effettivamente alle spalle di tutto questo non vi fosse altro che Apple.

Incuriositi da tale situazione, i ragazzi di MacStories hanno iniziato ad investigare e sono riusciti a contattare un proprietario di uno dei suddetti portali web citati nell’articolo di Baio. L’utente (che per ovvie ragioni ha preferito restare anonimo) ha confermato che il sito è stato chiuso in seguito ad una denuncia da parte di Apple per violazione del copyright.

Nella mail inviata alla redazione di MacStories, il proprietario del sito afferma di aver guadagnato all’incirca 75’000 dollari dal momento in cui Apple ha rilasciato la prima beta di iOS 6 per gli sviluppatori. Leggendo la mail inviata, lo stesso crede che “ i nostri servizi non hanno in nessun modo infranto le linee guida per iOS 6″, allo stesso modo afferma che la chiusura del sito non li fermerà, infatti sono già pronti ad avviare una nuova realtà attraverso un differente dominio web.

Contattando altri siti, i ragazzi di MacStories non sono stati molto fortunati, nello specifico hanno ricevuto una sola risposta con un “no comment” e “l’articolo di Wired ha causato la fine del nostro sito”.

A quanto pare, nel momento in cui Wired ha pubblicato il proprio articolo, Apple si è finalmente decisa di avviare azioni legali per chiudere al più presto tutti i portali coinvolti nel traffico illegale della vendita di UDID. Già lo scorso anno l’azienda di Cupertino aveva chiuso diversi account per sviluppatori in quanto avevano venduto i propri slot UDID ad altri utenti, la stessa Apple ci ricorda che “distribuzioni non autorizzate sono proibite e potrebbero essere perseguite a norma di legge”.

In conclusione al lunghissimo discorso, un fatto è particolarmente sorprendente, a quanto pare infatti uno dei più popolari siti web da cui è possibile acquistare l’accesso alle beta di iOS risulta essere ancora online. Tuttavia la pagina dalla quale è possibile accedere all’elenco di richieste in sospeso è offline e lo stesso si può dire dell’altro portale a cui gli stessi proprietari si appoggiano.

Ricordate comunque che vendere l’accesso alle beta di iOS è una pratica assolutamente illegale.

[via]


Continua la lettura dell’articolo su Iphone Italia

Posted in IphoneComments (0)

Videocorso gratuito sul trading Forex


Il mercato del Forex, anche in questa situazione incerta dei mercati, continua a registrare un buon interesse.

Il motivo può ricercarsi in due principiali motivi:
– si può iniziare a fare trading sul Forex con capitali ridotti;
– il mercato del Forex è aperto 24 ore su 24.

Un’altro motivo che molte persone scelgono il mercato delle valute per investire online è la grande quantità di informazioni e strategie che si possono trovare su internet gratuitamente.

Nella nostra ricerca quotidiana di utili informazioni per i nostri lettori, ci siamo imbattuti in utile e gratuito corso completo in video offerto da Saxo Bank.
I video sono stati creati in collaborazione di uno dei maggiori esperti di Forex Trading del mondo, Tom Hougaard.

Il video corso è suddiviso in più capitoli. Si inizia con l’introduzione al Forex, fino allo studio dell’analisi fondamentale e tecnica.

Posted in Investire OnlineComments (0)

StylusStrap: appendete al collo il vostro iPhone


Con l’arrivo dell’estate avete mai pensato di voler appendere al collo il vostro iPhone/iPod ?Benjamins ha realizzato un accessorio molto interessante chiamato StylusStrap. Scopriamo meglio nei dettagli cosa offre:Continua a leggere: StylusStrap: appendete al collo il vostro iPhone (…) StylusStrap: appendete al collo il vostro iPhone, pubblicato su iPhoner il 29/06/2012 © Alessandro Moretti per iPhoner, […]


Continua la lettura dell’articolo su iPhoner

Posted in iPhonerComments (0)

Appsmob lancia “La Briscola Pro”, dopo il grande successo dell’applicazione La Scopa Pro


Appsmob, developer e publisher di applicazioni per smartphone e tablet, annuncia oggi il suo nuovo gioco gratuito: La Briscola Pro.

La Briscola Pro (AppStore Link)
La Briscola ProAppsmob L.t.d.Categoria: Giochi

La Briscola Pro è una universal app realizzata per regalare ore di gioco e svago su iPad, iPhone e iPod Touch non solo a tutti gli appassionati di carte, ma anche a tutti coloro che cercano un’app d’intrattenimento ben realizzata.

Questa nuova  simulazione della Briscola non deluderà i già numerosissimi fan de La Scopa Pro perché ne conserva tutte le caratteristiche peculiari, compresa la sua disponibilità gratuita. Dal Menù fluido ed intuitivo, La Briscola Pro è ottimizzata per il Nuovo iPad e consente di giocare via Game Center con parenti, amici o altri giocatori connessi da tutto il mondo. Senza nessun costo aggiuntivo.

Il tavolo virtuale de La Briscola Pro offre una riproduzione fedelissima della tradizionale partita a Briscola, ma la rende ancora più avvincente grazie all’innovativa meccanica di gioco e di punteggio con quattro livelli di difficoltà, bonus per incrementare la posizione in Classifica e tanti obiettivi da collezionare durante il gioco sia in modalità giocatore singolo che multiplayer.

Tra i Temi per personalizzare l’area di gioco, quest’app regalerà a tutti gli appassionati di calcio un’esperienza da finale, nello stadio virtuale de La Briscola Pro. Infatti le partite in multiplayer e contro l’intelligenza artificiale si potranno disputare su un fantastico campo in erba, con cori dei tifosi in sottofondo ed effetti sonori tutti riprodotti ad alta definizione!

L’applicazione è integrata con noti social network quali Facebook e Twitter. In modalità Single player, il giocatore sfida il computer in quattro livelli di difficoltà che deve progressivamente sbloccare vincendo le partite. In modalità Multiplayer, attraverso il Game Center, è possibile giocare online con avversari da tutto il mondo, senza limiti e totalmente gratis. In background, troviamo piacevoli sfondi e rilassanti melodie, intercambiabili anche con il proprio iPod, ma anche originali Temi con bellissime combinazioni di suoni e sfondi ad altissima qualità, che sono stati ideati per favorire la concentrazione del giocatore. Inoltre, vasta scelta di mazzi regionali riprodotti ad altissima risoluzione.

Il gioco è disponibile gratuitamente su App Store.


Continua la lettura dell’articolo su Iphone Italia

Posted in IphoneComments (0)

AnimateLockscreen, un tweak che rivitalizza la schermata di blocco di iOS – Anteprima Cydia


iDownloadBlog ci fornisce in anteprima alcuni dettagli su un nuovo tweak che sarà presto approvato in Cydia. Si tratta di un programma che consente di rivitalizzare la schermata di blocco dell’iPhone con alcune animazioni esclusive. Il suo nome è AnimateLockscreen e a seguire vi riportiamo tutti i dettagli su questo tweak.

AnimateLockscreen è un nuovo tweak per iPhone che consentirà presto di aggiungere delle animazioni alla schermata di blocco del vostro iPhone. Utilizzando i boot logo come animazioni, questo tweak verrà rilasciato in Cydia con più di 1.000 animazioni già disponibili per il download.

AnimateLockscreen offre tantissime impostazioni agli utenti finali per personalizzare l’animazione da visualizzare nella schermata di blocco. Tutte queste preferenze possono essere regolate tramite il menu Impostazioni di iOS scorrendo fino alla voce “AnimateLockscreen”. Per farvi un’idea più completa relativa al funzionamento del tweak vi invitiamo a prendere visione del filmato proposto poco più in alto.

AnimateLockscreen sarà presto disponibile su Cydia e potrà essere scaricato dalla repository di BigBoss. Il tweak avrà un prezzo pari ad un dollaro.


Continua la lettura dell’articolo su Iphone Italia

Posted in IphoneComments (0)

Dubbi sulle nuove domande di sicurezza per gli account iTunes: confuse e poco sicure


Recentemente Apple ha introdotto nuove pratiche di sicurezza per gli account iTunes ed Apple ID chiedendo a diversi utenti di selezionare tre domande da impostare per i propri account iTunes con lo scopo di individuare l’effettiva identità del possessore in caso di problemi con la password. Pare tuttavia che le novità non stiano riscuotendo molto successo, ed in tal senso Cult of Mac le avrebbe definite confuse e poco sicure.

L’idea è certamente importante e si tratta di un passo in avanti verso una migliore protezione di Apple e dei suoi clienti, ma pare che l’introduzione di tali domande non sia in realtà un’iniziativa particolarmente vincente. Il primo punto preso in analisi sono le modalità adottate da Apple per la loro introduzione: gli utenti infatti non hanno ricevuto alcuna notifica Push o email in vista delle nuove domande, bensì la compagnia ha deciso semplicemente di mostrare un avviso in seguito al tentativo di un acquisto o di un download relativo alle applicazioni sui dispositivi iOS; ciò significa che gli utenti non ricevono nessun avvertimento prima di vedere la richiesta delle suddette domande di sicurezza.

Come sottolineato da Cult of Mac, gran parte delle aziende consente agli utenti di oltrepassare le nuove misure di sicurezza a prescindere da una notifica mostrata in seguito al primo accesso successivo alla loro introduzione permettendo così agli utenti di continuare a svolgere normali azioni bypassando l’avviso per un periodo limitato. Apple, viceversa, non offre tale opzione. Gli utenti possono scegliere se procedere verso le domande o semplicemente annullare l’operazione e, logicamente, annullare l’acquisto o il download. Una scelta simile potrebbe portare ad alcuni problemi per gli utenti che, vedendo apparire l’avviso in momento poco adatti, rischiano di inserire risposte con eventuali errori grammaticali.

Un altro aspetto invece fa proprio riferimento alle domande stesse: molte infatti risultano piuttosto standard come ad esempio la richiesta di identificare la propria prima automobile, mentre altre sembrano essere più personali come la città in cui abbiamo ricevuto il primo bacio o il nome del professore da noi meno preferito. Un importante problema con le domande inoltre risiede nella loro sicurezza in quanto le risposte potrebbero essere facilmente scoperte da qualcuno: ad esempio la città in cui una persona ha ricevuto il suo primo bacio spesso combacia con la città in cui è cresciuta (informazione facilmente reperibile su Facebook), mentre la domanda sul professore meno preferito potrebbe essere facile da intuire conoscendo la scuola di provenienza di ragazzi più giovani.

Un ottimo strumento per la gestione della sicurezza degli Apple ID è invece il sito online di Apple in cui è possibile inserire una domanda di sicurezza completamente personalizzata che difficilmente qualcuno potrà indovinare per tentativi. Altro problema, poi, risiede nella divisione tra Apple ID ed account iTunes: per alcuni, ma non per tutti, i due account combaciano, e le nuove domande di sicurezza vengono applicate ad entrambi. Nonostante sia possibile avere più di un Apple ID l’azienda dovrebbe trovare un modo per semplificare ed unificare l’uso di quest’ultimi su tutti i vari servizi offerti.

A prescindere dai vari problemi riscontrati, tuttavia, l’iniziativa di Apple è sicuramente importante dal punto di vista della sicurezza nonostante possa risultare piuttosto confusionale e mal gestita, con il rischio di creare diversi problemi agli utenti.

[via]


Continua la lettura dell’articolo su Iphone Italia

Posted in IphoneComments (0)

TIM inizia i test sulla connettività LTE a Milano


Dopo Torino, anche a Milano TIM offre la possibilità di testare le alte velocità di connessione garantite dalla rete LTE che consente di arrivare fino a 100Mbits/s in download e fino a 50Mbits/s in upload.

Il testo è aperto al pubblico e può essere effettuato in due punti vendita TIM a Milano: quello a via Moscova 47 (da oggi fino al 18 aprile) e quello sito in Piazza Cordusio (dal 19 al 21 Aprile). La sperimentazione verrà effettuata tramite apposite chiavette LTE rese disponibili da TIM.

Ricordiamo che Telecom Italia ha investito circa 1 miliardo e 200 milioni di euro per acquistare i diritti sull’utilizzo di alcune frequenze LTE in Italia. Entro la fine dell’anno l’obiettivo è quello di portare tale connettività in gran parte del territorio italiano.

[via]


Continua la lettura dell’articolo su Iphone Italia

Posted in IphoneComments (0)

Pagina 1 di 41234
127 queries in 0,679 seconds.