Tag Archive | "furto"

iPhone rubato ritrovato grazie a Trova iPhone


iPhone rubato ritrovato grazie a Trova iPhone su: iPhone 5

iPhone rubato ritrovato grazie a Trova iPhoneCome tutti i moderni prodotti hi-tech, l’iPhone è ambito moltissimo dai ladri e dunque la casa di Cupertino ha pensato bene di mettere le mani avanti. Il servizio “Trova il mio iPhone” è gratuito e permette di localizzare il telefono su una mappa di Google Maps usando GPS e Wi-Fi. Per avere il servizio è sufficiente lasciare attiva l’opzione per la localizzazione del telefono durante l’attivazione dell’iPhone alla prima accensione. Altrimenti, in un secondo momento, basta entrare nel menu “Impostazioni” del telefono, selezionare iCloud e spostare la levetta verso destra facendola diventare azzurra. 

Per rintracciare il cellulare, poi, bisogna collegarsi da un qualsiasi computer al sito internet del servizio di iCloud, effettuare il login e cliccare sull’icona “Trova il mio iPhone“; qui verranno segnalati  i propri dispositivi Apple e la loro dislocazione sulla mappa.

Il caso è venuto alla ribalta grazie ad un furto successo a Milano ai danni di una signora che si è vista scippare la borsa da un tunisino; nella borsa c’erano infatti 2 iPhone e il ladro è stato arrestato proprio grazie all’applicazione gratuita ”Trova il mio iPhone“.

Sicuramente un grande passo avanti della tecnologia per mettere fine a questi tipi di furti, visto che la corsa del ladro è terminata nelle braccia dei carabinieri nel parco di largo Marinai d’Italia. Non solo in caso di furto, ma questa applicazione è utilissima anche in caso di smarrimento; quante volte infatti succede di lasciare il telefonino o sul tavolo in birreria, o al ristorante, o in qualsiasi altro luogo. Con “Trova iPhone” il problema è presto risolto e il telefonino ritrovato in un batter di ciglia.

Continua la lettura dell’articolo su Iphone-5.it

Posted in Iphone-5.itComments (0)

Furto o smarrimento carte di credito, come comportarsi


furto smarrimento carte di credito.jpg

In caso di furto o di smarrimento di una o più carte di credito la prima cosa da fare è quella di bloccarle tempestivamente al fine di evitare indebiti utilizzi. A ricordarlo è l’Associazione Altroconsumo nel precisare come per bloccarla occorra chiamare l’emittente che di norma è un Istituto di credito. Il numero da chiamare dall’Italia è spesso un numero verde, mentre in caso di smarrimento o furto della carta di credito dall’estero il numero da chiamare è quasi sempre a pagamento e con prefisso internazionale. Bloccando subito la carta, precisa altresì l’Associazione dei Consumatori, in caso di furto al massimo il cliente ci rimettere 150 euro così come prevede attualmente la Legge.

Continua a leggere Furto o smarrimento carte di credito, come comportarsi…

Commenta »


Continua la lettura dell’articolo su Tutto Forex

Posted in Blog o SfereComments (0)

Carte di credito e acquisti online


Oramai pagare con carte di credito, di debito o effettuare acquisti online è diventata un’abitudine per moltissimi utenti. Le statistiche dicono che il denaro contante continua a diminuire e la popolazione si sta adeguando all’utilizzo dell’informatica negli acquisti.

Ma quanto rischiamo in ogni transazione commerciale?

Oramai i sistemi di sicurezza nei pagamenti sono giunti ad un buon livello, ma non bisogna mai abbassare la guardia. Il truffatore aspetta proprio questo!

Per la mia esperienza ho notato che nessuno è immune da truffa. Il malfattore attende l’attimo in cui psicologicamente non siamo preparati, magari siamo concentrati su altre cose e lì scatta il loro piano diabolico. Per cui come regola generale: non fidatevi mai di nessuno e ricordate che i soldi in tasca li avete voi, fate attenzione a non farli finire in tasca loro!

Chiusa questa parentesi, ritorno a bomba sull’argomento pagamenti elettronici. Effettuare una transazione commerciale attraverso un POS sicuramente è sintomo di onestà da parte del negoziante. Difficilmente un malvivente ha un conto in banca con tanto di lettore magnetico per effettuare una truffa.

Oramai la maggioranza delle tessere magnetiche sono dotate di pin per accertare il pagamento, ma in circolazione ci sono ancora prepagate e carte di credito che necessitano solo di una firma. Sinceramente il fatto che la commessa controlli sulla carta d’identità la firma non mi rassicura molto, per cui non dovete assolutamente perdere la carta di credito/prepagata. In quel caso al furbacchione di turno basterà strisciare la carta per effettuare alcuni pagamenti (magari di poco valore per evitare controlli).

Molte persone addirittura non firmano la carta nell’apposito spazio posteriore: sbagliatissimo! In quel caso il delinquente potrà apporre la sua firma passando inosservato tutti i controlli delle commesse. Per cui appena avete in mano la tessera, firmatela subito!

Quando richiedete le tessere di pagamento, i conti correnti oppure i vari servizi che vi offrono le banche/posta/società finanziarie chiedete quali sicurezze garantiscono sul loro prodotto.

Solitamente la tessera è munita di un chip elettronico (la banda magnetica oramai è vecchiotta anche se quasi sempre presente) e di un pin da digitare al momento dell’acquisto. Qualcuno adotta già la tecnologia Paypass. Quest’ultima predispone all’interno della carta un chip a radiofrequenze che permette di pagare senza nemmeno inserire la tessera nel lettore.

Ogni banca ha i propri sistemi di sicurezza, non sempre è facile valutare quale sia il migliore, ma soprattutto il più comodo.

Io per giudicarlo cerco sempre di capire la difficoltà di un truffatore nel ricevere tutti i dati applicando quel metodo di sicurezza e la mia comodità nel poterlo usare. Se per ogni acquisto devo impazzire non ne vale la pena. Considerate che lo scopo di ogni criminale è recuperare i dati per poi riutilizzarli come gli fa più comodo.

Un ultimo consiglio: quando state per aprire un conto abbinato con una tessera è buona cosa chiedere in caso di truffe, clonazioni delle tessere o danni di questo tipo, come si comporta la banca. Rimborsate? Quali cifre? In quanto tempo? Come mi devo muovere nel caso abbia un problema del genere? Avete un numero telefonico attivo 24h su 24? Chiedete magari se anno anche un sistema di avvertimento via SMS, dopo ogni acquisto arriva un sms di avviso per cui potete accorgervi subito di eventuali problemi.

Ricordate in ogni caso che per legge:

  • In caso di furto di carta di credito finché non si effettua la richiesta di blocco tutti i prelevamenti ed addebiti effettuati da terzi restano a carico del titolare. Effettuato il blocco rimane a carico del titolare una franchigia di 150 euro, a prescindere dall’importo complessivamente sottratto dopo il blocco. Alcuni gestori di carte, per importi complessivamente sottratti inferiori alla franchigia, non fanno pagare neppure questa.
  • Quando arriva l’estratto conto e ci si accorge solo allora di prelievi od utilizzi fraudolenti  si hanno tempo 60 giorni dalla data di ricevimento dell’estratto per inviare alla società emittente un reclamo scritto, con allegata la denuncia effettuata all’autorità di polizia.
  • Riguardo agli addebiti effettuati fino alla data del blocco, laddove venga esclusa qualsiasi responsabilità da parte del titolare nell’uso della carta, gli importi relativi vengono in genere riaccreditati dalla società emittente, dopo un po’ di tempo. A volte però può capitare che la società ritenga il titolare responsabile dell’uso fraudolento della carta e insista per il pagamento di tali addebiti. Bisogna valutare caso per caso e magari rivolgersi a delle associazioni di consumatori.

Se avete altri consigli, segnalateli nei nostri commenti.
Fonte: nonsoloprestiti.com

 Carte di credito e acquisti online

Continua la lettura dell’articolo su Dove Investire

Posted in Dove InvestireComments (0)

56 queries in 0,390 seconds.