Tag Archive | "Froyo"

Huawei: presentazione dei risultati del primo semestre, dettagli, strategie e show dello smartphone Ascend P1 con tante foto e dettagli


CellularMagazine.it

 

Ho iniziato questa notizia con quella che è almeno a livello di effetto la migliore foto che ho fatto, ne troverete più di 20 dopo il salto, l’altro giorno in quel di Milano huawei ha invitato blog e testate giornalistiche del mondo della tecnologia a Milano per presentarsi in un secondo incontro di approfondimento per parlare dell’azienda, dei risultati raggiunti, strategie e sopratutto il modello di smartphone Android top di gamma Ice Cream Sandwich Ascend P1 (annunciato insieme a F10HD a Febbraio). La notizia è lunga: dati, scatti e note per capire al meglio le intenzioni del produttore cinese nel mercato italiano e più in generale in quello europeo.

Come anticipato eccovi l’album degli scatti del modello e presenti in questa notizia, cliccando l’anteprima si aprirà l’album della nostra pagina su G+:

 

 

Inizia la presentazione al pubblico Roberto Loiola, vice-presidente Western-Europe per Huawei, vediamo gli argomenti di cui ha parlato:

 

 

 

impegnata in quattro business e con altrettanti clienti diversi: operatori per costruzione di reti, per fornire soluzioni elettroniche al mondo business, prodotti per il consumer e costruzione di soluzioni per la trasmissione dati su larga scala il fatturato per i primi sei mesi del 2012 ha generato ricavi per 16.2 miliardi di Dollari, una crescita rispetto allo stesso periodo del 2011 che si traduce anche in un margine operativo maggiore del 9%. E ancora altri tre dati leggibili bene dall’immagine a seguire:

 

 

 

Nel 2011 e parte di quest’anno Huawei si è distinta per essere stata la prima azienda a aver trasmesso interi pacchetti di dati dal peso maggiore di 1GB a velocità altissime con la soluzione Atom Cell a oggi già in uso negli Stati Uniti con operatori come T-Mobile, Sprint e Verizon e in costruzione insieme a aziende come Telecom Italia, Vodafone, H3G e altri 47 partner per essere pronti al lancio nel belpaese di reti LTE l’anno prossimo; ora provate a guardare lo smartphone magari accanto al pc da cui leggete la notizia di cui certamente conoscete il produttore, perfetto ora guardate la slide a seguire in merito a chi costruisce le reti a cui si appoggia:

 

 

 

“1 persona su tre al mondo utilizza un prodotto o una soluzione huawei”: un risultato senza paragoni.

Altro importante risultato raggiunto: è Huawei l’azienda che ha costruito il più grande centro dati al mondo superando colossi come Apple, IBM e Samsung, verrebbe da pensare che questa azienda preferisce lavorare bene senza cercare troppi onori al contrario di altre che attirano un interesse che a confronto con lei il gap è enorme.

 

 

Presenti in tutto il mondo centri per diverse fasi e parti di sviluppo del prodotto:

 

 

 

Settore device mobili per utenti consumer

 

Da fine 2011 Huawei ha iniziato a farsi conoscere, ha avuto un boom a natale per la venduta insieme a Vodafone di Ideos che a 99 Euro offriva un terminale con Froyo e a oggi quel nome per gli appassionati Android rappresenta un gradino di crescita importante, anche il sito ufficiale per l’Italia è stato creato da zero (notizia dedicata) in previsione delle vendite per questo settore nel 2012

 

 

che prevedono una crescita del 40% rispetto all’anno scorso a 9 miliardi di Euro da raggiungere con prodotti di tre fasce diverse:

 

– huawei linea Y: smartphone entry level, prezzo intorno ai 99-119 Euro,

– huawei linea G: smartphone e tablet di medio livello per clienti che hanno esigenze software e di resa maggiori (per fare un esempio a una persona a cui interessa poco il s.o. ma a cui piace Android va bene uno della linea Y, se si desidera giocare anche a titoli che richiedono più risorse e si sa cosa scegliere meglio G), in questa fascia possiamo notare huawei MediaPad e MediaPad HD nella versione con ICS nativo. Prezzo: dai 249 a 399 Euro.

– huawei linea Ascend P: fa i suoi primi passi quest’anno con una cpu proprietaria costruita in Cina insieme a partner elettronici locali (non per tutti i modelli, per questo si è scelto un americano TiOmap), Ascend P1 è il primo e di certo non sarà l’ultimo.

 

 

(per vedere gli scatti di Ascend P1 vi invito a vedere la galleria di scatti in G+, link anche a inizio notizia).

 

 

 

I dati del 2011 parlano, riprendendo il dato di 6.8 miliardi di $, che in merito a dispositivi tecnologici (smartphone e tablet) nel mondo sono stati centocinquanta milioni le unità vendute per una quota interna (ricordo che è una azienda di stato cinese) del 25% e nel resto del mondo per 75.

 

Dobbiamo ricordare che huawei è una azienda nata solo un quarto di secolo fa, ma solo l’anno scorso è stata la terza azienda al mondo per numero di brevetti registrati (23.522) con il 44% della forza lavoro qualificata nei centri del mondo (vedi cinque immagini più sopra) impiegata in ricerca e sviluppo, a questo proposito trovo utile il paragone con Samsung (notizia dedicata) che con un più alto numero di business in cui è impegnata, dipendenti e centri di ricerca e sviluppo in paesi diversi (Italia compresa a Milano) impiega in questo campo il 25% del personale complessivo.

 

 

 

Huawei Ascend P1: Beauty meet Brains

 

Voglio iniziare mostrandovi il video promo realizzato per il modello dal nostro canale YouTube, tenete presente che l’ho preso alla presentazione seduto in mezzo a centinaia di persone quindi se non è proprio perfetto vi chiedo di capirne il motivo:

 

Clicca qui per vedere il video incorporato.

 

 

 

Gli aspetti dello smartphone e non solo che Daniele de Grandis, responsabile vendite per l’Italia e Svizzera, ha voluto evidenziare:

 

– design e linee esteriori che si ripercuotono nella bellezza estetica e funzionale, siamo uno dei pochi paesi al mondo dove il telefono viene dato a parte e non con l’abbonamento e vi assicuro sono boccate di ossigeno in cassa dirette e fondamentali per i produttori, il più sta nel convincere a spendere i 449Euro di prezzo di listino,

– il processore non doveva essere un TiOmap, a febbraio si era parlato dell’HiSilicon K3V2 con due core che nemmeno è stato citato con l’attenzione che merita,

– il lavoro di ottimizzazione della batteria è stato fatto quindi con il TiOmap,

– sì l’aggiornamento a Android 4.1 JB per questo modello ci sarà,

– Huawei è tra gli otto produttori con cui Microsoft lancerà Windows 8, durante l’anno non aspettiamoci quindi solo prodotti Google Android,

– il prezzo di listino è di 449$, poco sotto concorrenti più conosciuti come Xperia S (499E) e One S (529E),

– vi invito a leggere le caratteristiche a seguire:

 

 

e ulteriori particolari:

 

 

impressionante la parte fotocamera, tecnologia dello schermo e cura dell’aspetto audio delle cassa sonora nella scocca posteriore in basso.

 

 

 

 

 

 

Post Originale: Huawei: presentazione dei risultati del primo semestre, dettagli, strategie e show dello smartphone Ascend P1 con tante foto e dettagli su http://www.CellularMagazine.it


Continua la lettura dell’articolo su Blog Cellulari

Posted in Blog CellulariComments (0)

Videorecensione YPad A7


Ecco la video recensione del tablet da 7 pollici della Yashi con sistema operativo Android Froyo 2.2, prezzo e funzionalità le sue caratteristiche principali.

Un dispositivo di buona fattura e con un prezzo molto conveniente questo Yashi Ypad A7, lo avevamo già visionato allo SMAU di Bari insieme ad altri dispositivi Yashi, e provandolo successivamente abbiamo potuto testarne la funzionalità.

Un ottimo rapporto qualità prezzo il suo miglior pregio e grazie al sistema operativo Android riesce ad avere stesse app e caratteristiche di altri device di fascia alta.

Tra le caratteristiche principali possiamo trovare schermo da 7 pollici con risoluzione 800×480, una fotocamera da 2 megapixel, una fotocamera frontale VGA, sensore di rotazione, GPS, WiFi, Bluetooth, e un auricolare bluetooth in dotazione che servirà per effettuare chiamate dal dispositivo in quanto esso supporta, oltre il traffico dati attraverso Scheda SIM anche le chiamate, di seguito trovate il video.

Clicca qui per vedere il video incorporato.

 

Post Originale: Videorecensione YPad A7 su http://www.CellularMagazine.it


Continua la lettura dell’articolo su Blog Cellulari

Posted in Blog CellulariComments (0)

Google Browser Chrome: i miei motivi per cui diventerà il primo Internet browser al mondo


 

Di oggi la notizia che il responsabile del progetto Chrome, progetto Google per un browser completamente integrato con il web, su Android verrà costantemente e continuamente aggiornato da oggi in poi e non possiamo non credergli quando vediamo che app Android come Google Maps ricevono aggiornamenti tutt’oggi su Froyo ma quello che puo’ succedere in futuro non lascia ben sperare alla concorrenza.

Se a oggi Google paga a Mozilla Foundation per ogni ricerca fatta sul suo motore di ricerca in Firefox qualcosa che le vale come l’84% di fonte di profitti che a sua volta puo’ investire per migliorare il browser della volpe in futuro questo potrebbe non succedere più  e vi propongo una serie di elementi a sostegno di quello che dico.

 

– Non c’è ne potrà esserci un negozio virtuale di applicazioni o estensioni che puo’ competere con il Chrome Web Store: il richiamo di Google è troppo forte, centinaia di migliaia di clienti che utilizzano Android poi si documentano e scelgono Chrome per il loro lavoro da pc Windows, Mac o Linux. Una comunità che potra visite e quindi inserzionisti che chiedono banner a generare un circolo virtuoso positivo per le casse di MV,

 

– Tutte le estensioni, applicazioni e funzioni presenti sul Chrome Web Store sono gratuite, non tutte sono verificate e certificate quindi fate sempre molta attenzione al numero di stelle e valutazioni come altre ancora sono piene di banner inutili ma se sapete scegliere bene il vostro ambiente browser da una sola finestra vi permetterà di avere sotto controllo mail, temperatura, orario, traduzione in un click sempre efficiente al 100%, controllo IP del sito internet visitato, ricerche su particolari negozi di apps, .. ecc. quello che vi consiglio è aprire la pagina e cercare, al 75% delle possibili esigenze c’è una app che risolve. E torno a ripetere che per avere tutte queste app non serve un telefonino da 600 Euro basta solo scaricare Google Chrome e avere una connessione a internet disponibile anche se di recente molte GApps (estensioni di app Google) funzionano persino senza questa esigenza.

 

 

– A livello grafico a oggi è il più pulito, chiaro per i principianti e semplice. Riconosco che gli preferisco Mozilla perchè per certi usi professionali non arriva come per esempio l’uso di un plug-in WordPress per il ridimensionamento immagini ma per il resto tiene testa a tutti,

 

– Contro IE9, Mozilla, Safari e Opera da solo ha vinto tre sfide su sette: avvio più veloce da sistema appena acceso, caricamento di una pagina da URL inserito a mano e caricamento di scripts Java.

Le altre: Caricamento da url in una nuova pagina e Benchmark DOM e CSS vinte da Opera (è da anni che da polvere alla concorrenza), ottimizzazione della memoria con carichi di lavoro come nove pagine aperte e nove pagine + estensioni vinte entrambe da Firefox.

fonte test

 

– Google è il re del web: credo sia una frase insindacabile, è tutto quello che produttori di smartphone e pc messi insieme non hanno a livello di conoscenze ed è il perno su cui fa forza perchè i nostri pc che paghiamo sono per la società il canale meno dispendioso a livello di denaro e sforzi per pubblicizzare i suoi servizi; finire su Google News per un blog è sinonimo di massimo livello qualitativo e ricchezza di contenuti anche cinque secondi dopo la pubblicazione, quello che potrebbe essere visto come “un avere senza dare nulla” diventa uno dei canali di visita più importanti

 

 

 

 

 

 

 

Post Originale: Google Browser Chrome: i miei motivi per cui diventerà il primo Internet browser al mondo su http://www.CellularMagazine.it


Continua la lettura dell’articolo su Blog Cellulari

Posted in Blog CellulariComments (0)

113 queries in 0,525 seconds.