Tag Archive | "dovuto"

24 agosto 2011, Steve Jobs lascia il ruolo di CEO: cosa è cambiato in un anno di Tim Cook?


Il 24 agosto 2011 Steve Jobs comunicò ufficialmente la sua decisione di lasciare il ruolo di CEO in Apple e di passare il testimone al suo collaboratore più fedele, Tim Cook. La decisione fu presa a causa delle sue condizioni di salute che, di lì a qualche settimana, si sarebbero ulteriormente aggravate fino a provocarne il decesso. E’ passato già un anno da quel giorno, con Tim Cook alla guida di quella che ad oggi è diventata una delle aziende più capitalizzate della storia.

Tim Cook fece subito sapere che l’eredità di Steve Jobs sarebbe rimasta in Apple per sempre, perchè il suo “DNA” era presente in ogni angolo del quartier generale di Apple. Tutti i collaboratori e i dipendenti conoscono quello che Steve Jobs vuole e Tim Cook ha fatto e continuerà a fare di tutto per rimanere su questa strada. Logicamente, però, qualcosa è cambiato. Apple ha raggiunto traguardi ancora più storici rispetto a quelli ottenuti sotto la guida di Steve Jobs, grazie non solo all’eredità da lui lasciata, ma anche da una serie di scelte amministrative prese dallo stesso Cook.

Chi pensava ad un crollo delle azioni di Apple dopo la morte di Steve Jobs di è infatti dovuto ricredere, in quanto Apple ha raggiunto cifre storiche mai ottenute in passato. Questo aspetto ha comprovato che l’azienda è forte anche senza Steve Jobs e che gli investitori nutrono molta fiducia nell’operato di Tim Cook. E’ pur vero che un anno è un tempo troppo breve per dare giudizi definitivi, anche perchè tutti i prodotti presentati da Apple nel 2012, e tutti quelli che presenterà da qui a 2-3 anni, sono stati quanto meno visionati e approvati da Steve Jobs, in quanto il ciclo di produzione di un dispositivo ha almeno 3 anni.

Da un punto di vista amministrativo, Tim Cook ha paradossalmente migliorato la società: i canali di distribuzione sono stati tutti rivisti e migliorati, i rapporti con le aziende di produzione (Foxconn in primis) sono stati resi ancora più solidi, l’azienda ha ottenuto importanti risultati nel rispetto dell’ambiente (basti pensare all’utlizzo massiccio dei pannelli solari nelle nuove costruzioni a Cupertino) e delle condizioni di lavoro in Cina, i dipendenti hanno ottenuto più benefit e Apple ha dato ancora più importanza alla beneficenza.  Tim Cook ha anche spinto per una maggiore trasparenza dell’azienda, pubblicando ad esempio gli elenchi di tutti i fornitori e consentendo le indagini della FLA nelle fabbriche della Foxconn.

Grandi differenze, invece, si sono viste nei Keynote: lì manca la mano geniale di Steve Jobs, ma Tim Cook ne è consapevole ed infatti ha organizzato eventi di presentazione meno teatrali e più “tecnici”. Di sicuro gli osservatori si annoiano di più, ma la sostanza non cambia.

Non sono certo mancati aspetti negativi, come alcune dichiarazioni di dipendenti Apple Store non proprio felici, pubblicità che non sono piaciute a molti utenti e prodotti alquanto criticati (soprattutto se si parla di Mac Pro).

La guida di Tim Cook appare molto più pragmatica e funzionale, ma meno geniale rispetto a quella di Steve Jobs. La sostanza, dicevamo, non dovrebbe cambiare, perchè in seno ad Apple vi sono altri “geni” in grado di creare per anni dispositivi interessanti: basti fare i nomi di Jon Ive e Forstall.

Insomma, Apple è meno Steve Jobs e più Apple. Basterà?

 

 

 

 


Continua la lettura dell’articolo su Iphone Italia

Posted in IphoneComments (0)

iPhone 5, iOS 6 conferma lo schermo


iPhone 5, iOS 6 conferma lo schermo su: iPhone 5

iPhone 5, iOS 6 conferma lo schermo

Volente o nolente, la Apple in un certo senso conferma il nuovo schermo dell’iPhone 5. Lo smartphone della società di Cupertino viene tradito dal suo stesso sistema operativo, iOS 6 e il suo rilascio dell’ultima versione beta.

Il nuovo iOS 6 da conferme del nuovo display, la risoluzione dello schermo risulta essere più grande rispetto al normale, a confermare il tutto ci pensa 9to5mac che con una serie di strumenti messi a disposizione dalla Apple stessa, riesce a far notare la differenza del prossimo display, motivo? Ci sono 4 colonne e cinque righe di icone, quest’ultime di più rispetto agli attuali smartphone della mela.

iPhone 5 avrà dunque un display con una diagonale da 4 pollici, la conferma arriva da iOS 6 e dunque su questo non ci possono essere smentite, a meno che la Apple decida di cambiare la produzione all’ultimo momento. Il nuovo schermo del prossimo smartphone della mela avrà una risoluzione pari a 640 x 1136 pixel con aspect ratio 16:9 e non mancherà il supporto del Retina Display, elemento immancabile sui dispositivi della società di Cupertino di ultima generazione.

Il nuovo smartphone della mela sarà dunque realmente rivoluzionario, 9to5mac intanto ci ha fatto notare la conferma del cambiamento dello schermo, di conseguenza molto presto cambierà anche il design che risulterà essere più allungato rispetto agli attuali dispositivi della mela, inoltre il prossimo iPhone 5 dovrebbe presentare novità anche per quanto il connettore dock, questo sarà molto probabilmente da 9pin.

Il nuovo iPhone 5 della Apple, come abbiamo visto nei precedenti articoli, avrà uno spessore di 7,6 mm, almeno stando ai rumors che circolano in rete. Il merito di tutto questo sarà anche dovuto ai nuovi schermi con tecnologia in cell realizzati da Sharp e dalle nano SIM, i nuovi standard di schede telefoniche della Apple che a quanto pare obbligherà tutti gli operatori a cambiare le SIM per i prossimi smartphone.

 

Continua la lettura dell’articolo su Iphone-5.it

Posted in Iphone-5.itComments (0)

Apple lascia EPEAT, da oggi meno green


Apple lascia EPEAT, da oggi meno green su: iPhone 5

Apple lascia EPEAT, da oggi meno greenLa Apple è definitivamente uscita da EPEAT e, quindi, non è più “verde”.

Se fino al 2009 la Mela ci teneva a sottolineare che i suoi device erano costruiti secondo i migliori standard di risparmio energetico e secondo le norme dettate dall’Eletronic Product Environmental Assestment Tool (EPEAT appunto), la decisione di abbandonare suddetto gruppo appare abbastanza in controtendenza. Tuttavia è proprio così e le conseguenze si fanno sentire. I vertici della casa di Cupertino hanno chiarito che le linee progettuali del gruppo non riescono più a conciliarsi con gli standard imposti dall’EPEAT.

A dirlo è il CIO Journal, blog facente capo al Wall Street Journal, che ha raccolto le dichiarazioni di Robert Frisbee. Uno dei tanti motivi per cui la Apple non può stare nell’EPEAT è, ad esempio, il fatto di non poter aprire i device per cambiare la batteria e, questo, ovviamente comporta dei danni per l’ambiente.

Ma si tratta solo di uno dei tanti motivi che hanno reso impossibile alla casa di Cupertino il continuare a rimanere in questa associazione. Di certo gli standard a cui avrebbe dovuto aderire le stavano molto stretti e c’era da fare una scelta importante: continuare per la propria strada o curare maggiormente l’aspetto del risparmio energetico e della tutela dell’ambiente.

La Apple ha scelto la prima strada.

Continua la lettura dell’articolo su Iphone-5.it

Posted in Iphone-5.itComments (0)

Crash risolti nelle app di App Store e Mac App Store


Crash risolti nelle app di App Store e Mac App Store su: iPhone 5

Crash risolti nelle app di App Store e Mac App StoreLa Apple è riuscita a risolvere un problema assai tedioso quale quello dei continui crash della app scaricate da App Store e Mac App Store.

Un portavoce della casa di Cupertino ha rilasciato un’ intervista a All ThingsD sottolineando che la situazione è stata risolta e che sperabilmente non si riverificherà più. Suddetto portavoce ha anche dato la versione dei fatti ufficiale, spiegando che la Apple ha avuto un problema con un server il quale ha generato il codice DRM per alcune applicazioni in fase di download.

Insomma, il problema è stato risolto al meglio in brevissimo tempo, confermando la professionalità degli addetti ai lavori. Ovviamente tutti coloro che avevano avuto delle recensioni negative per le loro app hanno chiesto alla Apple di intervenire dato che il crash era dovuto a un errore del server.

La casa di Cupertino potrebbe decidere di eliminare tutti i giudizi negativi postati dagli utenti delusi dai continui crash delle app in questione, dato che si è trattato di un suo errore e non dei programmatori.

Ovviamente tutto è bene quel che finisce bene e al momento l’errore è stato corretto nella maniera più rapida possibile e non dovrebbe ripetersi, almeno stando a quanto dicono i tecnici Apple. Staremo a vedere.

Continua la lettura dell’articolo su Iphone-5.it

Posted in Iphone-5.itComments (0)

Spending review blocca aumento Iva


spending review blocco aumento iva.jpg

Grazie alla cosiddetta “spending review” il nuovo aumento dell’Iva è nel breve termine rinviato. Il Governo italiano ha infatti reso noto in via ufficiale con un comunicato che non ci sarà aumento dell’Iva nell’ultimo trimestre dell’anno, così come tale aumento non ci sarà fino a tutto il primo semestre del 2013 per effetto proprio dell’eliminazione degli eccessi di spesa. Trattasi chiaramente di una buona notizia per le famiglie italiane che, altrimenti, avrebbero di sicuro dovuto far fronte ad una nuova raffica di rincari nell’ultimo quarto del corrente anno. Rimane però in auge l’aumento dell’Iva dal mese di luglio del 2013 sebbene in qualche modo l’attuale Governo in carica non abbia escluso provvedimenti finalizzati a sterilizzare tale aumento dell’imposta sul valore aggiunto.

Continua a leggere Spending review blocca aumento Iva…

Commenta »


Continua la lettura dell’articolo su Tutto Forex

Posted in Blog o SfereComments (0)

Tasse arretrate attraggono gli strumenti deflativi


tasse arretrate strumenti deflativi.jpg

Quando si hanno delle tasse arretrate da pagare, ma la pretesa del Fisco in qualche modo è errata o collegata a somme richieste che il contribuente ritiene siano superiori al dovuto, la migliore soluzione è quella di fruire dei cosiddetti strumenti “scaccia lite”. L’Amministrazione finanziaria dello Stato al riguardo, e non a caso, intende incentivare l’uso dei cosiddetti strumenti deflativi al fine di ridurre il contenzioso evitando di conseguenza lungaggini presso le Commissioni Tributarie competenti. In merito una Circolare, la numero 22/E di oggi, lunedì 11 giugno del 2012, detta agli Uffici del Fisco quelli che sono gli obiettivi e le istruzioni in materia di riduzione del contenzioso.

Continua a leggere Tasse arretrate attraggono gli strumenti deflativi…

Commenta »


Continua la lettura dell’articolo su Tutto Forex

Posted in Blog o SfereComments (0)

Caricabatterie iPhone 5 non cambierà, ma perchè costa tanto?


Caricabatterie iPhone 5 non cambierà, ma perchè costa tanto? su: iPhone 5

Molte voci che circolano attorno al Nuovo iPhone 5 sono solo rumors ed indiscrezioni, ma una notizia è ormai data per certa, il caricabatterie del prossimo Melafonino sarà lo stesso delle versioni precedenti, utilizzato anche per l’ iPad.

Sicuramente vi sarete chiesti perché un alimentatore per iPhone o iPad costa tanto. Per rispondere alla vostra domanda, Ken Shirriff ha analizzato le varie componenti di suddetto caricabatterie proprio per spiegarci perché un costo tanto alto. La prima risposta è che si tratta di un prodotto di alta qualità e per questo ha un costo elevato. Tuttavia, ciò è dovuto soprattutto al fatto che è capace di fornire energia accuratamente filtrata.

Per arrivare a questo risultato, la casa produttrice di Cupertino ha dovuto lavorare non poco, soprattutto per ridurre le interferenze Emi per evitare che al momento della ricarica il touch screen avesse dei problemi. Inoltre, il caricabatterie Apple risulta essere migliore dal punto di vista del design, rispetto a quelli forniti da altre case produttrici. Quello che lo contraddistingue più di ogni altra cosa, però, è che è dotato di un buon sistema di allarme che avvisa in caso di innalzamento troppo elevato della temperatura.

In sintesi, tutto questo dovrebbe giustificare un costo così elevato del caricabatterie di iPhone e iPad. Una maggiore qualità, ovviamente, implica anche un costo maggiore.

La casa produttrice di Cupertino bada molto ai dettagli e vuole sempre offrire il meglio ai suoi clienti. I suoi device sono di qualità altissima e per questo motivo devono esserlo anche gli accessori correlati.

Continua la lettura dell’articolo su Iphone-5.it

Posted in Iphone-5.itComments (0)

Perchè htc dopo Flyer e Puccini non ha più proposto altri tablet Android? Possibili motivazioni


CellularMagazine.it

 

 

Mi sono posto la domanda nel titolo, seppur dopo moltissimo tempo dalla presentazione dei modelli della famiglia One in Italia a cui ho avuto il piacere di partecipare e ancora prima a Barcellona con l’inviato per il blog Nicola quì e quì solo per Sense: per quali motivi il produttore di Taiwan dopo i due modelli di htc Flyer (16 GB WiFi e 32 GB WiFi + 3G) e relativi fratelli in America con LTE e Jetstram (aka Puccini) solo per gli Stati Uniti non ha più proposto nulla nè quasi certamente lo farà questo 2012?

Le risposte che mi sono dato sono quelle che andrò a scrivere nell’articolo. non ho la pretesa che siano giuste e indiscutibili e per questo vi invito a scrivere la vostra idea nei commenti se lo desiderate ma in tutte c’è logica e obiettività.

 

 

 

 

il primo motivo a cui ho pensato è la difficoltà e i problemi legati allo sviluppo di una Sense solo per tablet che frammenterebbe ancora di più il panorama Android e della clientela htc proprio come successe per Android Gingerbread 2.3 e HoneyComb 3.0 unificati con la 4, ma con una differenza sostanziale: Google vende a tutti e poteva permetterselo mentre htc avrebbe dovuto fare il ragionamento solo sui clienti Android che avrebbero scelto lei che sono numericamente minori.

Costi in termini di tempo, energie e sviluppo non avrebbero avuto ritorni all’altezza delle aspettative; personalmente ho un Flyer e potete vedere chiaramente che la versione di Sense è 1.1 per uno schermo da 7, immaginate sviluppare servizi complicatissimi e precisi di Sense anche per il modello da 10 e aggiornarli con costanza come meritano .. insomma in fin dei conti meglio così.

 

 

 

 

Secondo probabile motivo: perchè dissanguare l’area sviluppo con le tavolette quando più del 65% del mercato mondiale è di iPad?

Il dato percentuale deriva da una statistica IDC, a Marzo 2012 Apple ha aumentato la quota di mercato sul totale di spedizioni in tutto il mondo fino a, precisamente, il 68% sul totale. Android soffre tantissimo per la questione costi spropositati per l’hardware non all’altezza dei benefici .. Complimenti all’azienda perchè invece di proporre qualcosa a caso e in modo continuativo giusto per riempire il tempo ha preferito occuparsi solo di smartphone come sa fare bene* da anni.

 

L’asterisco accanto a bene è dovuto al fatto che qualche volta lavora meno di quanto potrebbe, vedi caso dei Sensation di prima generazione aggiornati a Sense 3.6 invece che 4 con la scusa dei processori Snapdragon e Flyer abbandonato alla 3.2.1.

 

Il grafico all’inizio di questa parte testuale rappresenta il risultato dello studio di Chitika che riporta il ritorno del suo processo di banner advertising su tablet, Samsung Galaxy Tab è l’unico che supera l’1.25% fino al minimo dello 0.55% di Nook. Chi da solo arriva a produrre il 94.64% delle impression? La risposta inizia con la i.

 

 

 

 

Mi viene in mente, ricordo tra i motivi per cui htc non ha più proposto tavolette, i materiali pregiati che utilizza: un tablet ne richiede minimo il doppio di quelli di uno smartphone quindi doppio costo a parità di prezzo di vendita finale.

 

 

 

E voi? Preferite una Samsung che ha, immagino a intuito, il record di tablet Android proposti per modelli oppure htc che ha scelto questa politica oppure una Sony che è arrivata a modo suo? Se avete tempo mi piacerebbe leggere le opinioni di tutti.

Post Originale: Perchè htc dopo Flyer e Puccini non ha più proposto altri tablet Android? Possibili motivazioni su http://www.CellularMagazine.it


Continua la lettura dell’articolo su Blog Cellulari

Posted in Blog CellulariComments (0)

AppStore: Applicazioni gratuite della settimana “Hector” e “Hack Run”


Eccoci arrivati al consueto appuntamento con le applicazioni gratuite in AppStore, tra le più interessanti della settimana troviamo due giochi “Hector” e “Hack Run” due giochi originali e divertenti.

CellularRubbrica

Questa settimana causa festività pasquali ho dovuto far slittare il nostro appuntamento con le applicazioni che sono divenute gratuite in AppStore, ma non vi preoccupate anche questa settimana abbiamo la nostra bella collezione di app che da pagamento ora sono free, tra le quali questa volta troviamo molto giochi originali e che sicuramente vi terranno occupati per qualche ora. 

iPhone:

MyHilo 0,75€->gratis

Un applicazione utile a coloro che vogliono tenere sempre sotto controllo l’andamento della borsa, questa app è pensata quindi per un uso professionale e mirato a chi lavora o investe in borsa, ha diverse opzioni e permette anche di condividere su vari social i propri andamenti su social network

Pushups trainer 1,59->gratis

Per gli amanti della palestra e del fitness arriva questa applicazione che tiene conto dei vostri progressi con le flessioni, la app tramite sensore di prossimità riesce infatti a tener conto del vostro allenamento ed impostare un allenamento progressivo secondo le vostre prestazioni precedenti, possibilità di condividere risultati su Twitter

App Toolkit 0,75€-> gratis

cercate un applicazione universale che contenga in se diverse utility ? Eccola a voi con questa app avrete a disposizione una serie di app che potrete usare oppure nascondere a seconda dell’utilizzo, sono inclusi anche tre temi.

iPhone & iPad:

WordBreaker HD 1,59€-> gratis

Un rompicapo e puzzle game veramente divertente con il quale potrete investire un pò di tempo nel capire come comporre le frasi e poter procedere al livello successivo, 4 livelli di difficoltà e classifiche tramite GameCenter

HackRun 1,59€ -> gratis

Un gioco sicuramente originale dove dovrete indossare i panni di una spia “hacker” per poter scalare i livelli, il gioco comprende ben 50 livelli e suggerimenti nel caso vi blocchiate.

Hector pt1 5€ -> gratis

L’applicazione forse più interessante della settimana, si tratta di un gioco dove indosserete i panni di un investigatore privato non troppo gentile, che deve indagare ed in questo episodio cercare di contrattare con dei terroristi, l’applicazione richiede l’uso del touch e di altri sensori in maniera molto intuitiva, assolutamente da provare.

 

Post Originale: AppStore: Applicazioni gratuite della settimana “Hector” e “Hack Run” su http://www.CellularMagazine.it


Continua la lettura dell’articolo su Blog Cellulari

Posted in Blog CellulariComments (0)

New iPad Vs Asus Trasformer Pad Infinity 700: Quale è il migliore?


Da poco vi è stata l’uscita del nuovo tablet di Apple dove ha fatto clamore l’affermazione fatta alla sua presentazione circa la sua GPU che secondo “Cupertino” sarebbe 3 volte superiore al Tegra 3, è vero? Ma quali sono le altre caratteristiche?

Bene per fare dei confronti dobbiamo fare delle riflessioni circa i vari componenti dei due tablet andando ad analizzare quindi le varie voci tecniche senza entrare nel dettaglio ma riflettendo sulle funzionalità che ad esse sono collegate.

CPU:

Bisogna innanzi tutto capire che, anche se Apple ha fatto una grandiosa strategia di marketing puntando sulla sua nuova GPU, e quindi massimizzando l’aspetto 3D del tablet con una grafica fantastica, la CPU non è stata cambiata ed il processore quindi, un Cortez A9 dual-core da 1Ghz è lo stesso dell’iPad 2 ed in pratica le prestazioni riguardanti la navigazione e molte delle funzionalità dipendono da essa che in buona sostanza rimangono uguali, discorso inverso per l’Asus che riesce a sorpassare con il suo Cortex A9 Quad -core da 1,6 GHz le prestazioni di oltre il 60%.

GPU:

è indubbio l’aspetto grafico viene vinto da New iPad e come si può vedere in questo benchmark fatto da LapTopMag si evince che Apple ha veramente puntato molto su questo aspetto riuscendo ad ottenere risultati incredibili con il suo A5x rispetto al Tegra 3.
Confermano quindi le affermazioni fatte alla presentazione e battendo di circa quattro volte la GPU più potente disponibile adesso per un tablet.

Display:

Il Retina display quindi ha una risoluzione più alta del suo rivale Android,siamo ai 2048×1536 contro i 1920×1200, e rende quindi in maniera più nitida ed incredibilmente chiara tutte le applicazioni, ma attenzione, solo le applicazioni che supportando questa risoluzione infatti se guarderete un film per esempio questo non aiuterà una maggiore risoluzione ma si fermerà a quella standard 1080p rendendo inutile quindi l’incredibile risoluzione dello schermo di New iPad.

Fotocamera :

Sia per la fotocamera principale sia per quella anteriore l’Asus vince infatti stiamo a 8Mpx contro i 5Mpx per la posteriore e 2 Mpx contro 0.3 MPx per la frontale.

Batteria:

Ecco per la batteria bisogna fare una riflessione Apple infatti ha aumentato la capacità della sua batteria passando dai 25Wha ai 45Wha ottenendo però circa gli stessi risultati di iPad 2 ad uso continuo, questo dovuto al fatto di dover sopperire alle nuove capacità come il Retina display ed il nuovo A5x e quindi rendendo vano il maggior peso ottenuto (50 grammi in più) e lo spessore leggermente aumentato (6mm) rispetto ad iPad 2.

Discorso contrario per Asus che invece ha voluto puntare su una ottimizzazione del suo prodotto guardando però allo spreco energetico e non alla grandezza della batteria questo fa si che anche dopo 30 minuti di visione di un film non vi stancherete di tener in mano il Pad Trasformer che pesa più di 70 grammi in meno del New iPad.

In conclusione avete capito come se pur entrambi validi, i tablet mostrano delle differenze che possono convincere o meno gli acquirenti, a mio avviso se dovessi comprare un tablet tra i due sicuramente mi orienterei verso Asus, perché il mio bisogno è quello di avere un dispositivo che abbia ottime funzionalità in tutti i suoi applicativi senza scordare poi la possibilità di avere oltre che un tablet anche un Laptop a disposizione e quindi utilizzarlo come un vero e proprio computer, ma sono sicuro che per molti sarà il contrario.

Post Originale: New iPad Vs Asus Trasformer Pad Infinity 700: Quale è il migliore? su http://www.CellularMagazine.it


Continua la lettura dell’articolo su Blog Cellulari

Posted in Blog CellulariComments (0)

Uscita iPhone 5 slitta in autunno


Uscita iPhone 5 slitta in autunno su: iPhone 5

Per tutti coloro che si aspettavano l’uscita dell’ iPhone 5 entro l’estate, questo ennesimo rumor sarà una cattiva notizia.

Ebbene sì perché, così come non si fermano le voci di corridoio in merito ai prossimi iDevice della casa produttrice di Cupertino, neppure l’ansia del grande pubblico che attende riesce ad essere placata. Per questo motivo, la possibilità che il prossimo melafonino di casa Apple non esca, come preventivato, in estate delude non poco e non pochi.

Il possibile rinvio della data di uscita dell’iPhone 5 potrebbe essere dovuto innanzitutto alla volontà della casa produttrice del device di dare ancora spazio all’iPhone 4S che, sin ad ora, sta facendo segnare vendite e numeri da record nonostante gli iniziali problemi segnalati da alcune fasce di utenti. In pratica, secondo queste voci la Apple non avrebbe alcun interesse a immettere sul mercato un nuovo prodotto quando ancora il 4S sta vendendo tanto e sta creando profitti.

La fonte di quanto detto sino ad ora sembra essere affidabile e accreditata, mentre la notizia, che immediatamente è rimbalzata su tutti i siti di tecnologia e non solo, è apparsa per la prima volta su Macotakara, noto blog giapponese.

Come sempre, è fondamentale ricordare che le notizie che riguardano i device Apple devono essere prese con le pinze, dato che la casa produttrice non smentisce né conferma.

Continua la lettura dell’articolo su Iphone-5.it

Posted in Iphone-5.itComments (0)

Rimborso canone Rai per pagamento non dovuto


rimborso canone rai pagamento non dovuto.jpg

Come recuperare il canone Rai pagato se questo non è dovuto? Ebbene, al riguardo ci viene in aiuto un utile fac-simile che l’Associazione Aduc ha pubblicato sul proprio sito Internet. Questo modulo può tornare utile a quelle imprese, enti, associazioni o famiglie che magari ultimamente hanno pagato il canone Rai 2012 pur non avendo a casa il televisore. Negli ultimi giorni non era infatti ancora chiaro se si dovesse o meno pagare il canone Rai anche in caso di presenza di computer e non del televisore. Ebbene, al riguardo la Rai è intervenuta ufficialmente spiegando come il canone Rai ordinario le famiglie lo debbano pagare quando hanno il televisore in casa.

Continua a leggere Rimborso canone Rai per pagamento non dovuto…

Commenta »


Continua la lettura dell’articolo su Tutto Forex

Posted in Blog o SfereComments (0)

Pagina 1 di 3123
79 queries in 0,532 seconds.