Tag Archive | "coupon"

Il Nuovo iPhone 5 come una carta di credito


Il Nuovo iPhone 5 come una carta di credito su: iPhone 5

Il Nuovo iPhone 5 come una carta di creditoLe novità dedicate ad iPhone 5 non finiscono, infatti, dopo aver scoperto che sarà arricchito di funzionalità innovative e di un display più grande, scopriamo che con il nuovo iPhone 5 sarà possibile pagare.

Quindi possiamo pensare a questo dispositivo come se fosse a tutti gli effetti una carta di credito. Tutto questo sarà possibile grazie all’integrazione di un chip presente nello smartphone che potrà essere utilizzato per acquistare online qualsiasi cosa. La tecnologia NFC integrata nel sistema permetterà di effettuare acquisti avvicinando il cellulare al POS presente nel punto vendita del commerciante.

Inoltre questo sistema è collegato alla rete peer-to-peer realizzati dal contatto tra i due dispositivi. Già introdotto in alcuni smartphone di ultima generazione, tra cui i dispositivi Android e BlackBerry, il sistema verrà ora esteso anche ai cellulari di casa Cupertino. Che ne pensate? Siete felici di questa novità?

Apple ha pensato proprio a tutto, infatti, con la presentazione di iOs 5, propone anche l’applicazione Passbook. Si tratta di uno strumento che permette di gestire coupon e biglietti di vario genere ed è stata realizzata anche per gestire velocemente un portaolio digitale basato sulla tecnologa NFC.

Che cosa desiderare di meglio?

Continua la lettura dell’articolo su Iphone-5.it

Posted in Iphone-5.itComments (0)

Novità integrate in iOS 6


Novità integrate in iOS 6 su: iPhone 5

Vi siete persi gli ultimi aggiornamenti riguardanti il mondo di iPhone5? Ebbene in questo articolo desideriamo raggruppare le novità più interessanti che troverete all’interno del nuovo sistema operativo iOS 6.

Siri per esempio si aggiorna diventando più potente e più integrato e finalmente disponibile in Italiano. Inoltre avrete la possibilità di gestire nuovi servizi e permettere di dettare il testo e di aprire qualsiasi applicazione. Tra le novità segnaliamo anche le mappe innovative turn by turn e una visualizzazione 3D molto dettagliato.

Infine è stata aggiunta anche l’integrazione con il servizio traffico che ci permetterà di scegliere il tragitto più indicato evitando spiacevoli code. Il tutto gestito da servizi proprietari e dalla collaborazione con TomTom. Facebook è finalmente integrato nel sistema operativo di Apple, per consentire a tutti di inviare aggiornamenti da qualsiasi spunto del sistema operativo.

Inoltre Apple ha deciso di integrare una nuova applicazione Passbook, strumento in grado di raccogliere in una sola applicazione tutte le informazioni importanti come carte di credito, coupon, biglietti e molto altro. Do Not Disturb invece sarà la funzionalità che vi permetterà di eliminare tutte le notifiche o solo alcune nei momenti in cui non volete essere disturbati.

Le novità sono tantissime e vi permetteranno di ottenere grandi soddisfazioni.

Continua la lettura dell’articolo su Iphone-5.it

Posted in Iphone-5.itComments (0)

Forme di investimento sicure (parte 3 di 3)


Investimenti a lungo termine sicuri e con pochissimi rischi I Titoli di Stato sono simili alle Obbligazioni con la differenza che anziché essere emessi da società private, vengono emessi dallo Stato che li vende ai risparmiatori per finanziare il proprio debito pubblico. Sono senza dubbio la forma di investimento più sicura per il risparmiatore in quanto c’è sempre lo Stato alle spalle che garantisce sulla buona riuscita dell’investimento e sulla più che certa restituzione del capitale investito.

I Titoli di Stato più importanti e comuni sono: i Bot, i Btp e i Cct.

I Bot (Buoni Ordinari del Tesoro) sono titoli a zero coupon e possono avere scadenze variabili dai 3 ai 12 mesi. Sono i titoli più sicuri per l’investitore che, alla scadenza del contratto, si vedrà restituito il proprio capitale accresciuto di una quota di interessi.
I Btp (Buoni del Tesoro Poliennali) sono Obbligazioni di Stato a medio e lungo termine con scadenze che vanno da un minimo di 3 ad un massimo di 30 anni. Il tasso di interesse che viene corrisposto per questi titoli è sempre fisso e viene stabilito anticipatamente, cioè nel momento in cui vengono messi sul mercato. Data la lunga durata di questo tipo di contratti, gli interessi vengono corrisposti all’investitore tramite cedole semestrali. Alla scadenza del contratto l’investitore si vedrà restituita la somma corrispondente al valore nominale del titolo stesso. Il rischio per l’investitore, anche in questo caso, è praticamente inesistente.
Anche i Cct (Certificati di Credito del Tesoro) sono Obbligazioni di Stato a medio e lungo termine (5, 6, 7 o 10 anni). Questi titoli garantiscono al risparmiatore una cedola semestrale il cui importo però è variabile e indicizzato rispetto all’andamento sul mercato dei Bot. Il rischio comportato da questi titoli per l’investitore è basso e legato solo all’eventuale andamento negativo dei Bot sul mercato, eventualità nella quale l’investitore riceverebbe interessi più bassi al momento della riscossione della cedola semestrale. Tutti i titoli di stato hanno il vantaggio di poter essere negoziati sul mercato prima della loro scadenza.

Altra forma di investimento piuttosto sicura per il risparmiatore è rappresentata dalla Previdenza Integrativa. Questa forma di investimento si sta diffondendo sempre di più negli ultimi anni e consiste in strumenti di investimento gestiti dagli enti previdenziali. La loro finalità è quella di integrare con somme aggiuntive le prestazioni pensionistiche obbligatorie. Questi strumenti possono essere i Fondi Pensione o i Pip (Piani Individuali Pensionistici). I fondi pensione a loro volta si dividono in Fondi Negoziali e Fondi Aperti.
I Fondi Negoziali scaturiscono da accordi tra enti previdenziali e associazioni sindacali di determinate categorie di lavoratori e vengono gestiti da banche o assicurazioni.
I Fondi Aperti invece vengono emessi direttamente dalle banche, dalle assicurazioni o dalle società di intermediazione e quindi non sono ad esclusivo uso di determinate categorie di lavoratori ma possono essere usati anche da lavoratori autonomi.
Quello che questi fondi fanno concretamente è raccogliere i contributi dei lavoratori e investirli in modo da renderli più remunerativi. Gli investimenti di questi contributi possono essere diretti all’acquisto di azioni (e questo è il caso che comporta una più alta rimuneratività ma anche un più alto rischio), all’acquisto di azioni e obbligazioni (con rischio più basso) oppure all’acquisto di sole obbligazioni (caso meno rischioso ma anche meno remunerativo).
La scelta del comparto di investimento al quale destinare i propri soldi non è obbligatoriamente fisso nel tempo ma, in qualsiasi momento l’investitore può decidere di cambiarlo. Quando il lavoratore finisce il proprio periodo di contribuzione perché ha raggiunto l’età pensionabile, riceverà dall’ente previdenziale la rendita che i propri contributi hanno accumulato nel corso del tempo in cui i suoi contributi sono stati investiti nei fondi pensione. La legge stabilisce che almeno il 50% dell’ammontare dei guadagni deve essere corrisposto sotto forma di rendita periodica mentre la restante parte può essere versata in un’unica soluzione.
I Pip, infine, rappresentano una vera e propria polizza assicurativa sulla vita.



Continua la lettura dell’articolo su Investimenti Online

Posted in FinansolComments (0)

Groupon, tutto pronto per l’Ipo milionaria


Groupon

Cresce l’attesa intorno a Groupon, la società operante nel settore dei coupon online, che è in procinto di sbarcare a Wall Street nel tentativo di ripercorre il successo che è stato recentemente portato a…

Groupon

Cresce l’attesa intorno a Groupon, la società operante nel settore dei coupon online, che è in procinto di sbarcare a Wall Street nel tentativo di ripercorre il successo che è stato recentemente portato a…
Continua la lettura dell’articolo su Finanza e Borse

Posted in Finanza e BorseComments (0)

Webank regala chiavetta 3 con 6 mesi di navigazione inclusa


Ci è stato segnalato via email e noi lo proponiamo a voi lettori di tecnonerd.it

Aprendo un conto Webank entro e non oltre il 20/06/2011 Webank ti regala una chiavetta H3G della 3, e un coupon per attivare 600 ore di navigazione sotto copertura 3;

Le 600 ore corrispondono a 6 mesi di navigazione con la formula SuperWeb.100 che ti permette di navigare per 100 ore al mese gratuitamente(una volta terminate le quali però pagate a parte) per appunto 6 mesi.

Volendo fare i conti all’offerta, in pratica Webank attivando un conto presso di loro ti regala 109 euro, avendo la chiavetta un costo di 19 euro e le 600 ore di navigazione(ricordo in realtà 100 ore al mese per 6 mesi) un costo mensile di 15 euro e complessivo quindi per i 6 mesi di 90 euro.

Per quanto riguarda strettamente la vantaggiosità o meno del conto Webank questo lo lascio valutare a voi. Diciamo che se eravate già più o meno orientati ad aprirvi un conto con Webank, o comunque era una delle vostre opzioni, Webank vi dà un incentivo in più, quindi affrettatevi.

Qui di seguito tutti i link utili per informarvi meglio sull’offerta:

Pagina dedicata all’iniziativa sul sito della 3: link
Pagina informativa dell’offerta e del conto Webank: link
Regolamento dell’offerta: link

Sperando vi sia stato d’aiuto.. alla prossima ;)


Continua la lettura dell’articolo a questo indirizzo

Posted in Tecnonerd.itComments (0)

LivingSocial, progetti di espansione per la società dei coupon online


Living Social

LivingSocial, uno dei protagonisti internazionali nel settore dei coupon online, ha dichiarato di aver scelto di incrementare il proprio patrimonio di 400 milioni di dollari, al fine di supportare l’espansione della propria struttura, e cercare in tal modo di sottrarre alla Groupon la leadership del segmento. La notizia è stata ribaltata sui media statunitensi dopo l’indiscrezione diramata da una persona “vicina ai vertici societari” che tuttavia ha chiesto di rimanere anonima.

Living Social

LivingSocial, uno dei protagonisti internazionali nel settore dei coupon online, ha dichiarato di aver scelto di incrementare il proprio patrimonio di 400 milioni di dollari, al fine di supportare l’espansione della propria struttura, e cercare in tal modo di sottrarre alla Groupon la leadership del segmento. La notizia è stata ribaltata sui media statunitensi dopo l’indiscrezione diramata da una persona “vicina ai vertici societari” che tuttavia ha chiesto di rimanere anonima.
Continua la lettura dell’articolo a questo indirizzo

Posted in Finanza e BorseComments (0)

48 queries in 0,445 seconds.