Tag Archive | "compromesso"

Apple vs. Samsung: il giudice è stanco delle varie mozioni ed ordina alle parti di incontrarsi per stabilire come istruire la giuria


Le varie mozioni presentate da Apple e Samsung stanno stancando un po’ tutti, in primis il giudice. Secondo quanto circolato in rete, Lucy Koh, il giudice che presiede il processo, avrebbe ordinato agli avvocati delle aziende di incontrarsi per discutere su come istruire la giuria ed evitare continue ed inutili perdite di tempo.

Il processo tra Apple e Samsung è stato per lungo tempo atteso e le prime notizie circolate in rete sono state molto interessanti, tuttavia, come vi abbiamo più volte raccontato, le aziende stanno presentando moltissime mozioni accusando la concorrente di ostacolare il processo di istruzione della giuria.

Lucy Koh, il giudice che presiede il processo, si è detta stanca di questo comportamento ed ha ordinato le parti di incontrarsi per stabilire le linee guida per il prosieguo della disputa legale. Eccovi di seguito le parole del giudice riportate da FossPatents:

 La Corte è delusa del comportamento delle rispettive parti ed ordina loro di incontrarsi per stabilire le istruzioni da conferire alla giuria. Gli avvocati dovranno incontrarsi e confrontarsi per stabilire delle istruzioni comuni da consegnare alla giuria Lunedi 13 agosto 2012 alle ore 8 del mattino (ora locale).

Il motivo di tale decisione è dettato dal continuo botta e risposta tra le società, per ogni testimone, prova o quant’altro da sfruttare per il processo, una delle due aziende ha presentato una mozione contraria nel tentativo di bloccare il tutto. Entrambe le parti hanno già commentato la decisione del giudice, Apple sostiene che “anche se abbiamo cercato diligentemente di far avanzare il processo, Samsung ha sempre ostacolato i nostri sforzi”, viceversa l’azienda coreana ricorda di “aver già accettato più di venti istruzioni proposte da Apple e di aver già riveduto altre istruzioni nel tentativo di trovare un compromesso che vada bene ad entrambe le parti”.

Anche su questo sono disaccordo, ma devono trovare una soluzione comune, la pazienza della Corte è ormai agli sgoccioli.

[via]


Continua la lettura dell’articolo su Iphone Italia

Posted in IphoneComments (0)

Quanti soldi investire sul Forex


Il mercato delle valute non è semplice e non tutti sono in grado di guadagnare soldi. Il consiglio e di iniziare di investire sul Forex una cifra che possiamo anche perdere.

Meglio iniziare aprendo un conto demo e scegliendo broker che permettono di aprire dei conti con pochi euro. Stiamo parlando di mini conti Forex che posso essere gli strumenti per conoscere il mercato delle valute.

Si può iniziare investendo anche 300€, ma se vogliamo essere sinceri, non è molto conveniente.
Il nostro consiglio, per investire sul serio, è di investire sul Forex almeno 3000 euro.
Utilizzando una opportuna leva si possono ottenere profitti niente male.

Un altro consiglio è quello di avere nel conto un capitale leggermente superiore, in grado coprire eventuali smarginazioni se si dovessero subire delle perdite nella fase iniziale.

Precisiamo che la somma indicata di 3000€ è il minimo consigliato per questa forma di investimento ma ovviamente se si vuole fare sul serio è meglio investire 5000 € o cifri ancora maggiori capaci di offrirci un buon compromesso rischio e profitto.

 Quanti soldi investire sul Forex

Continua la lettura dell’articolo su Dove Investire

Posted in Dove InvestireComments (0)

Come creare un portafoglio di investimento a basso rischio


Da inizio anno i mercati finanziari hanno recuperato una parte delle perdite registrate nel 2011. Vista la situazione attuale è probabile che nel prossimo futuro ci registrerà ancora una crescita ma non può essere scontata.

A chi non piace rischiare ed investire limitando al massimo i rischi deve per prima cosa creare un portafoglio diversificato scegliendo prodotti a basso rischio.

Diamo qualche consiglio.

Il 40% del proprio portafoglio dovrebbe essere investito in titoli italiani con scadenza 2013, in particolare il 2o% su Btp e il 20% su Cct, una scelta dettata dalla convinzione che l’Italia sia uno dei paesi europei che presenta il miglior compromesso tra rischio limitato e rendimento.

E’ inoltre una buona scelta includere investimenti in paesi emergenti, considerati un fattore chiave per riuscire a trarre buoni profitti. Questi dovrebbero avere un peso di circa il 30% del portafoglio.

Per la restante parte si dovrebbe scegliere i bond bancari, soprattutto americani in quanto si ritiene che la crisi della banche negli USA abbia già superato la fase critica.

Posted in Investire OnlineComments (0)

Un iPhone 5 Water Block?


Un iPhone 5 Water Block? su: iPhone 5

Sul prossimo iPhone di casa Apple se ne dicono davvero tantissime. Ogni giorno basta aprire una qualsiasi pagina internet che si occupi di tecnologia e si leggono così tanti rumors che raccapezzarsi risulta davvero difficile.

L’ultima notizia vede un iPhone 5, ma anche il Galaxy S III suo diretto concorrente, dotati di tecnologia Water Block. Si tratterebbe, quindi, di un iDevice resistente all’acqua. Come potrebbe essere possibile una cosa del genere? In pratica i chip interni dovrebbero essere rivestiti da uno strato di spray isolante.

In questo modo, pur facendo un bel tuffo nell’acqua, questo melafonino non dovrebbe subire danni. Inoltre, se si utilizzasse uno spray isolante non verrebbe in alcun modo compromesso lo spessore del telefono stesso. La tecnologia Water Block è stata brevettata da un’azienda che si chiama Liquipel, che fa sapere che non protegge solo dall’acqua e dai liquidi in generale, ma serve anche per l’umidità.

Sarebbe una bella notizia per gli utenti più sbadati che non dovranno più correre il rischio di distruggere un iPhone a causa della loro disattenzione. Come ogni volta che si parla di un rumor che riguarda un device Apple, ricordiamo che la casa di Cupertino non ha confermato né smentito la notizia.

Per quello si dovrà attendere l’uscita dello stesso.

Continua la lettura dell’articolo su Iphone-5.it

Posted in Iphone-5.itComments (0)

Cosa serve per richiedere un mutuo o un finanziamento casa


Spesso la gente si spaventa di fronte ai documenti necessari per chiedere un mutuo casa sia per acquisto che per ristrutturazione . In realtà non c’e’ nulla di complicato.

Per richiedere ad una banca un mutuo o un finanziamento casa occorre avere dei requisiti in termini di affidabilità (precedenti finanziamenti regolarmente rimborsati, non avere protesti ne’ atti pregiudizievoli etc.) e di ‘capacita’ di credito’ (reddito adeguato etc.).

Aggiungiamo che a monte di questo ci dovrebbe essere un’idea di massima di quello che può essere l’ammontare del mutuo necessario e la sua presumibile durata.

Detto questo c’e’ una serie di documenti che occorre presentare per consentire alla Banca di predisporre una adeguata ed esauriente istruttoria per la concessione del mutuo.

Essi sono:

MODULO DOMANDA PER CHIEDERE UN MUTUO
Da compilare su modello prestampato dalla Banca

DOCUMENTI DI NATURA ANAGRAFICA PER CHIEDERE UN MUTUO
– Per una persona fisica
Documento d’identità valido
Codice fiscale
Certificato di nascita, di matrimonio
Stato di famiglia
e, per cittadini Extracomunitari
Permesso di soggiorno e passaporto

DOCUMENTAZIONE REDDITUALE PER CHIEDERE UN MUTUO
– Per un lavoratore dipendente
Dichiarazione del Datore di Lavoro da cui risulti la data di assunzione
Ultime tre buste paga
Cud
– Per un lavoratore autonomo
Ultima dichiarazione dei redditi
Documentazione comprovante inizio attività (iscrizione camera di commercio o partita iva)
Per una società
Atto costitutivo
Iscrizione alla Camera di Commercio
Bilancio o situazione patrimoniale aggiornata

DOCUMENTAZIONE IMMOBILIARE PER CHIEDERE UN MUTUO
– Per immobili usati
Proposta o compromesso o copia preliminare di compravendita
Atto di provenienza dell’immobile
Nota di trascrizione
Visura Piantina catastale
– Per immobili nuovi
Proposta o compromesso o copia preliminare di compravendita
Licenza di costruzione
Abitabilità

 Cosa serve per richiedere un mutuo o un finanziamento casa

Continua la lettura dell’articolo su Dove Investire

Posted in Dove InvestireComments (0)

Durata del mutuo: occhio alla scelta


Quando un consumatore sceglie il mutuo, deve scegliere anche la durata, cosa molto importante,  importantissima. E’ risaputo infatti che al crescere della durata del mutuo, a parità d’importo finanziato, la rata mensile da pagare alla banca scende di importo; trattasi di una condizione molto vantaggiosa, in quanto si va a pagare un finanziamento ipotecario più sostenibile nel tempo, ma tutto ciò al costo, spesso non indifferente, di maggiori interessi bancari da pagare nel tempo. Quella relativa alla durata del mutuo è quindi in tutto e per tutto una scelta di compromesso da fare in maniera non solo consapevole, ma anche oculata visto che spesso ci si impegna con la banca per 15, 20, o magari 25 anni, ed in tutto questo lungo arco di tempo non è detto che le entrate familiari siano crescenti o quantomeno costanti.

Continua a leggere: Durata del mutuo: occhio alla scelta (…)

Durata del mutuo: occhio alla scelta, pubblicato su MutuOk il 26/06/2011

© Fil per MutuOk, 2011. | Commenta! |
Tag: calcolo rata, durata, interessi, tasso fisso, tasso variabile


Continua la lettura dell’articolo su MutuOk

Posted in MutuOkComments (0)

62 queries in 0,416 seconds.