Categoria | Come Fare

Cosa fare a New York in una settimana: 5 posti da vedere

Eccoti l’ultimo consiglio pubblicato in Comefare.com!

Cosa fare a New York

New York è una delle mete più gettonate del momento. Forte di un’azione di marketing territoriale potente, è a conti fatti una delle destinazioni predilette anche dai novelli sposi in viaggio di nozze. Ma la Grande Mela, proprio perché sconfinata metropoli, offre tante attrattive, alcune da non perdere, altre da tralasciare.

Vediamo allora assieme quali sono i 5 posti che meritano assolutamente una visita.

New York in una settimana: consigli di viaggio

Sappiamo bene che una settimana non è sufficiente per conoscere appieno un posto come New York, ma di certo 7 giorni possono bastare per respirare l’aria di Manhattan e prendere il meglio della città. Crogiolo di culture molto differenti fra loro, la metropoli americana offre di tutto, dalla cultura all’architettura passando per lo shopping e i tour sui set cinematografici delle serie tv e dei film ambientati in loco.

Ecco i 5 posti da non perdere a New York

  1. Times Square: è il punto nevralgico della Grande Mela, la classica immagine più famosa della città dopo quella della Statua della Libertà. A qualunque ora del giorno o della notte troverete gente, traffico e pubblicità scintillanti. Sedetevi sulla scalinata dell’isola pedonale e osservate la città che non dorme mai.
  2. Statua della Libertà e Ellis Island: prendete il traghetto a Battery Park e visitate prima la Statua della Libertà e poi Ellis Island con il suo interessante e toccante Museo dell’Immigrazione. È importante ricordare che se volete visitare Lady Liberty e salire al suo interno, dovrete prenotare con largo anticipo rispetto alla vostra partenza: considerate che si tratta del simbolo per eccellenza di NYC, e che solo un numero preciso di persone ha accesso giornalmente fino alla corona. Sul sito ufficiale del monumento della Statua della Libertà trovate tutte le info necessarie per prenotare. Per visitare Ellis Island, invece, non avrete bisogno di alcuna prenotazione.
  3. Empire Statue Building o Rockfeller Center: sebbene siano due edifici molto diversi fra loro, uno è adibito quasi esclusivamente ad uso uffici e l’altro è un centro commerciale, la loro “funzione turistica” non cambia molto. Sono infatti perfetti per ammirare lo skyline newyorchese, anche se c’è chi dice che sia il Rockfeller Center ad offrire la miglior visuale. In ogni caso, vi consigliamo dei due uno solo, anche perché il prezzo del biglietto è piuttosto caro.
  4. Musei a Manhattan: anche qui non avrete che l’imbarazzo della scelta nel preferire uno o l’altro museo. In una settimana potete di certo sceglierne anche più di uno. Da non mancare sono il MET, il Metropolitan Museum of Art, e il MOMA, il Museum of Modern Art.
  5. Shopping a New York: se siete a NYC per un viaggetto, non potete farvi mancare una lunga, lunghissima seduta di shopping. Potete trovare negozi e boutique di ogni tipo e per tutte le tasche e, magari approfittando di un buono scambio euro-dollaro, si possono fare davvero affari interessati. Non mancate una tappa da Macy’s, lo store più grande del mondo, e da Century 21 se amate le scarpe. Altra tappa obbligata è la Quinta Strada, dove si trovano le boutique di lusso, fra le quali la mitica gioielleria Tiffany: fatevi tentare!

Naturalmente, se avete più tempo a disposizione o se ad esempio dovesse piovere a New York durante il vostro soggiorno, non disperate! Di cose da fare e di alternative possibili ve ne sono tante, dal centro commerciale alle chiese antiche (poche, ma stupende) passando per una cena gourmet in qualche famoso e rinomato ristorante o una passeggiata alla scoperta di Central Park. Sul sito ufficiale del turismo a NY troverete di certo la soluzione che fa per voi.

(fonte foto: pixabay.it)

L’articolo Cosa fare a New York in una settimana: 5 posti da vedere è stato pubblicato in Come Fare.

Continua la lettura dell’articolo su Come Fare.

   

ATTENZIONE:

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e NON rappresenta quindi una testata giornalistica. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Tutti gli articoli di questo sito vengono pubblicati automaticamente tramite aggregazione di feed RSS, pertanto per qualsiasi questione legata ad essi si rimanda completamente al sito della fonte. Il webmaster non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Ogni lettore deve considerarsi responsabile e autonomo per i rischi legati all'uso che fa delle informazioni contenute in queste pagine. Gli articoli proposti hanno come unico scopo quello di fornire informazioni.Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare tramite la sezione contatti per la loro immediata rimozione.


Leave a Reply

105 queries in 0,487 seconds.