Archive | Telefonia

Things 3.4: collegamenti, automazione e Handover

Things, una delle migliori app per chi è alla ricerca di un task manager completo, si aggiorna con numerose novità.

Things 3 è un task manager con design moderno e semplice da utilizzare, insieme a funzioni avanzate utili sia per lavoro che per la vita privata. Installata questa app, puoi usare l’estensione di Things in qualunque app o parlare con Siri per aggiungere le attività nella casella Entrata; puoi raggrupare i progetti per aree di responsabilità come “Famiglia”, “Lavoro” o “Salute”, e rivederli regolarmente per restare sempre al passo. Inoltre, puoi gestire il tuo tempo in modo efficace: vedi gli eventi del tuo calendario insieme alle tue attività e pianifica la tua settimana di conseguenza, creando anche attività ricorrenti.

Things 3.4 presenta tre  nuove funzioni: Collegamenti a Things, Automazione e Handover da altre app.

Things ora supporta un particolare tipo di link (o URL) che inizia con “things:”. Questo link può essere usato per passare velocemente a un’attività o una lista in Things da altre app. Per creare un link su iPhone o iPad, nell’angolo in alto a destra della lista tocca (v) > Condividi > Copia link. Nelle attività tocca un’attività per espanderla, quindi tocca ••• > Condividi > Copia link.

I link di Things possono anche essere usati per eseguire comandi al di fuori dell’app, per creare attività, mostrare filtri per etichette, effettuare delle ricerche e altro. Puoi usare app quali Workflow, Launcher o Launch Center Pro per automatizzare i tuoi flussi di lavoro più comuni.

Infine, altre app ora possono inviare facilmente i dati a Things. Ad esempio, MindNode, l’app di mappatura mentale, ti permette di fare il brainstorming delle tue idee e quindi passarle a Things come progetto.

Things 3 è disponibile su App Store al prezzo di 10,99€.

Link all’articolo originale: Things 3.4: collegamenti, automazione e Handover

Continua la lettura dell’articolo su Iphone Italia

Posted in Iphone0 Comments

La tastiera Swype per iOS non sarà più aggiornata e supportata

Brutte notizie per tutti i fan di Swype, una delle tastiere più popolari per iOS e Android. Nuance, l’azienda che ha acquisito l’app sette anni fa, ha deciso di interrompere lo sviluppo e il supporto di questa tastiera.

Nuance ha deciso di interrompere lo sviluppo e il supporto per Swype perchè vuole concentrarsi su nuove soluzioni AI per le imprese, abbandonando del tutto il mercato consumer. L’app non sarà più aggiornata e non sarà fornito supporto per gli utenti che l’hanno già acquistata.

Swype è al momento ancora disponibile su alcuni App Store (non quello italiano) e probabilmente sarà eliminata del tutto nei prossimi giorni.

Ricordiamo che Swype è considerata una delle più complete e veloci tastiere alternative per iOS e Android. L’applicazione comprende diversi design e permette di scegliere se inserire le parole normalmente o tramite la tecnologia chiamata proprio “Swype”. Una delle sue caratteristiche più interessanti riguarda la possibilità di apprendere ciò che digitiamo. Utilizzando nel tempo l’app, infatti, verrà creato un vero e proprio vocabolario, che potremo in ogni momento modificare aggiungendo o rimuovendo determinate parole.

Link all’articolo originale: La tastiera Swype per iOS non sarà più aggiornata e supportata

Continua la lettura dell’articolo su Iphone Italia

Posted in Iphone0 Comments

Nikkei: “Apple taglia la produzione degli iPhone X e mette in difficoltà il reparto OLED di Samsung”

Un nuovo report pubblicato da Nikkei afferma che, come conseguenza del taglio degli ordini per l’iPhone X, Apple sta definitivamente abbandonando Samsung come fornitore degli schermi OLED.

Il report spiega che Samsung aveva inizialmente incrementato la produzione dei pannelli OLED per soddisfare l’alta richiesta di iPhone X, ma ora si trova a dover affrontare un problema di eccesso di capacità a causa della nuova decisione presa da Apple.

Come piano di riserva, Samsung aveva pensato di utilizzare questa maggiore capacità di produzione di pannelli OLED per fornire gli schermi ad altri produttori di smartphone. Anche in questo caso, però, la situazione non sembra essere delle migliori per l’azienda sudcoreana, visto che tanti produttori di smartphone hanno deciso di continuare sulla linea dei display LCD, a causa dell’elevato prezzo dei pannelli OLED.

Per di più, Samsung si torva ora ad affrontare una crescente concorrenza da parte dei produttori cinesi di pannelli OLED,  che ora sono in grado di assicurare un’elevata capacità produttiva anche in termini di qualità. A causa di questa concorrenza, Samsung avrebbe già iniziato ad abbassare i prezzi dei suoi pannelli OLED.

Per quanto riguarda specificamente Apple, Nikkei afferma che l’azienda taglierà del 50% la produzione degli iPhone X per l’attuale trimestre. Questo significa che Samsung rimarrà con una produzione eccessiva di pannelli OLED e, sostanzialmente, nessun acquirente disposto ad acquistarli:

Samsung sta vendendo sempre più pannelli OLED a clienti esterni. La produzione di iPhone X, le cui vendite nel 2018 sono state basse, dovrebbe ridursi della metà nei primi tre mesi dell’anno, rispetto alla stime iniziali di 40 milioni di unità.

Avendo incrementato la capacità produttiva per soddisfare la domanda dell’ultimo iPhone, ora Samsung si ritrova con una capacità produttiva in eccesso e nessun cliente su cui puntare in maniera sufficientemente adeguata.

A peggiorare le cose per Samsung, i rapporti hanno indicato che Apple avrebbe già scelto LG per la produzione degli iPhone che usciranno a fine 2018. Questo significa che Apple potrebbe abbandonare del tutto Samsung come fornitore dei pannelli OLED.

Link all’articolo originale: Nikkei: “Apple taglia la produzione degli iPhone X e mette in difficoltà il reparto OLED di Samsung”

Continua la lettura dell’articolo su Iphone Italia

Posted in Iphone0 Comments

I membri del consiglio di amministrazione Apple ricevono 262.000$ in azioni riservate

I membri del consiglio di amministrazione Apple hanno ricevuto sovvenzioni automatiche derivanti da azioni vincolate per un valore di 262.000 dollari, come confermato dai documenti della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti.

James Bell, Al Gore, Rogert Iger, Andrea Jung, Arthur D. Levinson, Ronald Sugar e Susan Wagner hanno ricevuto 1.521 unità azionarie riservate come parte del piano azionario del direttivo Apple. Le RSU sono previste per il 1° febbraio 2019, e sono legate al servizio continuato con la compagnia.

Assente dall’elenco di questi bonus è il CEO di Apple Tim Cook, che fa anche parte del consiglio di amministrazione dell’azienda. Il piano di indennizzo di Cook non include gli incentivi degli amministratori, in quanto implica un salario di base e bonus azionari che maturano in relazione alle performance fiscali dell’azienda.

Come sempre, le sovvenzioni azionarie del consiglio sono state emesse lo stesso giorno della riunione annuale degli azionisti Apple (qui tutti i dettagli del meeting).

Link all’articolo originale: I membri del consiglio di amministrazione Apple ricevono 262.000$ in azioni riservate

Continua la lettura dell’articolo su Iphone Italia

Posted in Iphone0 Comments

iPhone X 64 GB in offerta su eBay a 864€!

Su eBay è attiva un’interessante offerta dedicata all’iPhone X Silver da 64 GB, ora disponibile al prezzo di 959,99€! Inoltre, pagando con PayPal e inserendo il codice PTECH100 avrai un ulteriore 10% di sconto, per un totale di 864€!

Questa offerta ha come protagonista l’iPhone X Argento da 64 GB, che a questo link su eBay può essere acquistato al prezzo di 959,99€, circa il 20% in meno rispetto ai 1.189€ richiesti da Apple. Il venditore è segnalato come super-affidabile (50.902 feedback 100% positivi) e vengono accettati i pagamenti tramite PayPal. Consegna gratuita in 2 giorni, garanzia 24 mesi.

L’iPhone X Argento da 64 GB può essere acquistato a 959,99€ cliccando qui. Si tratta già di un’ottima offerta, ma se scegli di pagare con PayPal, ti basta inserire il codice PTECH100 (valido fino al 19 febbraio) in fase di ordinazione per avere un ulteriore 10% di sconto, pagando l’iPhone X 864€!

Il codice PTECH100 può essere utilizzato anche per acquistare qualsiasi altro prodotto tech su eBay con uno sconto del 10% (selezionando sempre PayPal come metodo di pagamento). L’offerta è valida dal 15 al 19 febbraio.

Link all’articolo originale: iPhone X 64 GB in offerta su eBay a 864€!

Continua la lettura dell’articolo su Iphone Italia

Posted in Iphone0 Comments

Facebook Messenger si arricchisce di nuove funzionalità dedicate agli innamorati

Poco prima di San Valentino, Facebook ha aggiunto alcune funzionalità più o meno inutili su Messenger interamente dedicate alle coppie.

Adesso, dopo aver confermato di avere una relazione con qualcuno, su Messenger si aprirà una chat privata dedicata alla coppia. Una funzione non proprio utile nel 2018, quando più o meno tutte le coppie avranno già iniziato un qualche tipo di chat su Messenger, WhatsApp, Telegram o in qualsiasi altra app di messaggistica. C’è però un aspetto carino: alla prima apertura della chat, compariranno dei cuori! Inoltre, l’utente potrà impostare emoji, nickname e colori personalizzati per questa chat di coppia. E le emoji predefinite mostreranno dei cuori al posto degli occhi.

Un cambiamento utile, invece, prevede che la chat con il partner rimanga sempre nella parte superiore dell’app, nella scheda Active.

 

Link all’articolo originale: Facebook Messenger si arricchisce di nuove funzionalità dedicate agli innamorati

Continua la lettura dell’articolo su Iphone Italia

Posted in Iphone0 Comments

Siri su HomePod confrontato con Google Assistant e Amazon Alexa

Con l’HomePod definito quasi da tutti uno dei migliori speaker in assoluto per quanto riguarda la qualità audio, rimangono dei dubbi sulle funzioni e le capacità di Siri rispetto ad altri competitor come Amazon Alexa, Google Assistant e Microsoft Cortana. Loup Ventures li ha provati tutti e ha pubblicato i risultati di questo test.

Luop Ventures ha testato Siri su HomePod tramite 782 richieste, oltre a vari test completi sulla qualità del suono e la facilità di utilizzo. Per quanto riguarda il test delle query, Loup Ventures afferma che l’HomePod è stato in grado di comprendere il 99.4% dei comandi, anche se ha risposto correttamente solo al 52.3% delle domande/richieste. Facendo un confronto con i competitor, Google Assistant è stato in grado di rispondere all’81% dei comandi, Alexa al 64% e Microsoft Cortana al 57%.

 

Bisogna però notare che molte delle query testate da Loup Ventures non sono supportate da HomePod, come ad esempio quelle relative ad e-mail, chiamate o navigazione. Rimuovendo le tipologie di richieste che Siri su HomePod non può al momento gestire, il dispositivo ha risposto correttamente al 67% dei comandi, posizionandosi sopra Alexa e Cortana.

Siri ha però battuto Alexa e Cortana in alcune categorie come “Locali” (es. “Dove posso trovare un buon caffè nei dintorni“) e “Acquisti” (es. “Aiutami a comprare un paio di scarpe nuove“). Bisogna però ricordare che lì dove Siri su iPhone mostra un elenco di risultati di ricerca su Google quando non sa come rispondere, su HomePod non fornisce alcuna alternativa.

Per quanto riguarda le vendite, Loup Ventures stima che Apple produrrà 7 milioni di unità entro la fine del 2018, mentre nel 2019 la produzione salirà a 10.9 milioni di dispositivi. Entro fine 2018, inoltre, Apple dovrebbe riuscire a conquistare il 12.9% del mercato mondiale degli speaker smart, malgrado la disponibilità limitata a pochi paesi.

Per quanto riguarda le intenzioni di acquisto, negli Stati Uniti il 3.3% degli intervistati su 500 soggetti ha detto che acquisterà l’HomePod entro la fine del 2018. Si tratta di una percentuale simile alle intenzioni d’acquisto dell’Apple Watch quando il dispositivo venne lanciato per la prima volta da Apple. Tra gli intervistati che possiedono già un prodotto Apple, la percentuale sale al 5.2%.

Link all’articolo originale: Siri su HomePod confrontato con Google Assistant e Amazon Alexa

Continua la lettura dell’articolo su Iphone Italia

Posted in Iphone0 Comments

Siri su HomePod confrontato con Google Assistant e Amazon Alexa

Con l’HomePod definito quasi da tutti uno dei migliori speaker in assoluto per quanto riguarda la qualità audio, rimangono dei dubbi sulle funzioni e le capacità di Siri rispetto ad altri competitor come Amazon Alexa, Google Assistant e Microsoft Cortana. Loup Ventures li ha provati tutti e ha pubblicato i risultati di questo test.

Luop Ventures ha testato Siri su HomePod tramite 782 richieste, oltre a vari test completi sulla qualità del suono e la facilità di utilizzo. Per quanto riguarda il test delle query, Loup Ventures afferma che l’HomePod è stato in grado di comprendere il 99.4% dei comandi, anche se ha risposto correttamente solo al 52.3% delle domande/richieste. Facendo un confronto con i competitor, Google Assistant è stato in grado di rispondere all’81% dei comandi, Alexa al 64% e Microsoft Cortana al 57%.

 

Bisogna però notare che molte delle query testate da Loup Ventures non sono supportate da HomePod, come ad esempio quelle relative ad e-mail, chiamate o navigazione. Rimuovendo le tipologie di richieste che Siri su HomePod non può al momento gestire, il dispositivo ha risposto correttamente al 67% dei comandi, posizionandosi sopra Alexa e Cortana.

Siri ha però battuto Alexa e Cortana in alcune categorie come “Locali” (es. “Dove posso trovare un buon caffè nei dintorni“) e “Acquisti” (es. “Aiutami a comprare un paio di scarpe nuove“). Bisogna però ricordare che lì dove Siri su iPhone mostra un elenco di risultati di ricerca su Google quando non sa come rispondere, su HomePod non fornisce alcuna alternativa.

Per quanto riguarda le vendite, Loup Ventures stima che Apple produrrà 7 milioni di unità entro la fine del 2018, mentre nel 2019 la produzione salirà a 10.9 milioni di dispositivi. Entro fine 2018, inoltre, Apple dovrebbe riuscire a conquistare il 12.9% del mercato mondiale degli speaker smart, malgrado la disponibilità limitata a pochi paesi.

Per quanto riguarda le intenzioni di acquisto, negli Stati Uniti il 3.3% degli intervistati su 500 soggetti ha detto che acquisterà l’HomePod entro la fine del 2018. Si tratta di una percentuale simile alle intenzioni d’acquisto dell’Apple Watch quando il dispositivo venne lanciato per la prima volta da Apple. Tra gli intervistati che possiedono già un prodotto Apple, la percentuale sale al 5.2%.

Link all’articolo originale: Siri su HomePod confrontato con Google Assistant e Amazon Alexa

Continua la lettura dell’articolo su Iphone Italia

Posted in Iphone0 Comments

Puro presenta la nuove custodie di San Valentino per iPhone

In vista di San Valentino , Puro lancia due nuove custodie della Aqua Collection pensando sia agli innamorati… che ai più delusi e disillusi.

Per i romantici, il brand propone la cover versione LOVE, caratterizzata da una tonalità bianco perla che richiama un qualcosa di tenero e sincero. La scritta “LOVE” è impreziosita da un liquido con glitter e dettagli luminosi a effetto cascata fluida e brillante.

Per chi ha affrontato delusioni d’amore o odia le smancerie, è disponibile la custodia FUCK: una cover che ironizza sull’umore di coloro che hanno il cuore spezzato. Black, ma con un tocco di grinta, anche in questo caso la scritta è valorizzata da glitter scintillanti di un colore argentato e nero.

Le due nuove Aqua Cover di Puro proteggono l’iPhone da urti e cadute e sono composte da una cornice in silicone morbido e da un retro in PVC trasparente rigido. Proprio per la loro composizione, le Aqua Cover di Puro sono particolarmente flessibili e facilitano l’applicazione sul proprio smartphone, “vestendolo” alla perfezione.

Le nuove cover Puro sono disponibili per tutti gli iPhone dal 6 in poi al prezzo di 22,99 euro, nei migliori negozi di elettronica.

Link all’articolo originale: Puro presenta la nuove custodie di San Valentino per iPhone

Continua la lettura dell’articolo su Iphone Italia

Posted in Iphone0 Comments

“The X-Files: Deep State”: è arrivato il momento di scoprire la verità

Tra le nuove uscite della settimana, troviamo anche il nuovo gioco per iPhone e iPad realizzato dagli autori Creative Mobile, intitolato “The X-Files: Deep State”.

The X-Files: Deep State vi catapulterà in un mondo immerso nell’ignoto, numerose vicende su cui indagare, misteri da svelare, complotti internazionali e tanto altro ancora. L’app risulta reperibile su App Store gratuitamente ed include un’apposita sezione “in-app” in cui poter effettuare eventuali acquisti. Per quanto riguarda il download, sono necessari poco più di 157 MB, l’app risulta localizzata già in svariate lingue tra cui anche l’italiano, risulta compatibile con iOS 10.0 e ideale a partire dal diciassettesimo anno di età.

La verità è là fuori, pensi di essere in grado di trovarla?“, inizia così la descrizione App Store del nuovo gioco per iPhone e iPad intitolato The X-Files: Deep State. Dovrai scavare nell’ignoto, alla ricerca di indizi e oggetti misteriosi per svelare enigmi in pieno stile X-Files. Vestirai i panni di un agente speciale X-Files. Ti verranno fornite informazioni top secret che solo tu potrai visualizzare. Tu ed il tuo compagno, l’agente Dale, siete stati scelti per indagare su misteriose scene del crimine apparentemente inspiegabili.

Tra le principali caratteristiche ricordiamo un cammino pieno di peripezie nell’universo di X-Files, indizi da scoprire e analizzare, risolvi gli enigmi e interroga i sospettati, sfrutta le tue abilità per raggiungere le vette più alte della classifica, svela le verità nascoste e collabora con altri agenti dell’FBI. Ogni scelta avrà delle conseguenze… sii cauto e determinato!

Link – Prezzo GRATIS!

Link all’articolo originale: “The X-Files: Deep State”: è arrivato il momento di scoprire la verità

Continua la lettura dell’articolo su Iphone Italia

Posted in Iphone0 Comments

iOS 11.3 Beta 2: ecco TUTTE le novità per iPhone!

Qualche ora fa Apple ha rilasciato iOS 11.3 Beta 2, un nuovo aggiornamento di prova per gli sviluppatori (presto disponibile anche per i tester pubblici) che introduce alcune novità rispetto a quanto già visto, in precedenza, nella prima beta di iOS 11.3, rilasciata qualche giorno fa. Scopriamo insieme cosa è cambiato su iPhone.

iOS 11.3 Beta 2 è ora disponibile per il download e come di consueto siamo pronti a mostrarvi in anteprima tutte le novità – provate – del prossimo aggiornamento per iPhone, iPad e iPod touch. Prima di iniziare con le novità, però, ricordiamo che questo aggiornamento sarà disponibile per tutti i dispositivi che hanno ricevuto l’aggiornamento ad iOS 11, anche se per il momento non è ancora disponibile per iPod touch.

iOS 11.3 Beta 2: ecco TUTTE le novità!

  • Introdotta, in beta, la funzione “Stato Batteria” per monitorare lo stato della batteria in Impostazioni > Batteria. All’interno di questo menu sarà possibile controllare la capacità massima residua della batteria del dispositivo e, in caso di batteria degradata, sarà possibile scegliere tra l’ottimizzazione software di Apple (che preserva il dispositivo dai picchi energetici) oppure una situazione di utilizzo “normale” in cui questa funzione non interviene (ma potrebbero ripresentarsi gli spegnimenti improvvisi che gli utenti incontravano prima di iOS 10.2.1).
  • L’app iBooks – precedentemente rinominata Books – si chiama ora “Libri” su iOS 11.3 Beta 2.
  • Introdotta una nuova spalsh screen all’apertura di App Store.
  • L’app Podcast supporta ora gli hyperlink e avvia la riproduzione dei nuovi episodi dei podcast a cui siamo iscritti con un solo tap.
  • La dimensione e la versione di un’app nella sezione “Aggiornamenti” di App Store è ora nascosta: per mostrarla bisognerà estendere la schermata dedicata all’update in questione.
  • Migliorato AirPlay 2 e il controller virtuale per la Apple TV nel centro di controllo.
  • Risolte alcune incompatibilità con app e migliorata la stabilità generale del sistema.

iOS 11.3 sarà disponibile in primavera come aggiornamento software gratuito per iPhone 5s e modelli successivi, tutti i modelli iPad Air e iPad Pro, iPad di quinta generazione, iPad mini 2 e successivi e iPod touch di sesta generazione. La beta pubblica di iOS 11.3 beta 2 arriverà prossimamente e sarà disponibile per il download per tutti gli utenti iscritti al programma di testing di Apple.

Link all’articolo originale: iOS 11.3 Beta 2: ecco TUTTE le novità per iPhone!

Continua la lettura dell’articolo su Iphone Italia

Posted in Iphone0 Comments

L’idea da Wall Street: un abbonamento Apple per hardware e servizi

Secondo l’analista Horace Dediu, per mantenere i profitti in crescita, Apple dovrebbe creare un unico abbonamento per hardware e servizi.

L’analista di Wall Street Horace Dediu ritiene che il problema fondamentale per Apple è che deve competere con aziende come Amazon e Google per fidelizzare gli utenti. Amazon mantiene gli utenti nel proprio ecosistema grazie agli abbonamenti Prime a basso costo, mentre Google gestisce una piattaforma, Android, che offre tantissimi servizi gratuiti.

Per mantenere alti i profitti anche alla voce servizi, secondo Dediu Apple dovrebbe creare un abbonamento congiunto che integri hardware e servizi. Questo significherebbe abbattere i profitti lato hardware, ma dall’altro aumenterebbe i guadagni derivanti dagli abbonamenti e, soprattutto, potrebbe portare molti più utenti nell’ecosistema dell’azienda.

L’idea è associare il programma Upgrade degli iPhone, quello che permette agli utenti di pagare un canone mensile e di poter cambiare modello ogni anno, ai vari servizi come Apple Music e iCloud. Un unico prezzo per avere tutto. Una sorta di Apple Prime che consentirebbe agli utenti di pagare una quota mensile e di poter avere sempre l’ultimo iPhone rilasciato, oltre a tutti i servizi dell’ecosistema Apple.

Cosa ne pensate?

Link all’articolo originale: L’idea da Wall Street: un abbonamento Apple per hardware e servizi

Continua la lettura dell’articolo su Iphone Italia

Posted in Iphone0 Comments

Pagina 1 di 28512345...102030...Ultima »
128 queries in 0,629 seconds.