Archive | Economic blog

Sintesi della giornata finanziaria: 20 luglio 2011

borsa italia,borsa estero,finanza,macroeconomia,imprese,analisi tecnica,economia,covered warrant,certificates,ftsemib,euro stoxx 50,indici azionari,cac40Azioni Italia

Freni Brembo (EUR : 9,50): per festeggiare i primi 50 anni di storia, rinnova nei contenuti e nella veste grafica il proprio sito Brembo.com. Il nuovo portale è una finestra web completamente dedicata al mondo dei freni dove, oltre alle sezioni rivolte agli stakeholder istituzionali del gruppo, sono stati migliorati i contenuti indirizzati ai clienti finali, articolati in quattro aree dedicate rispettivamente ad auto, moto, veicoli commerciali e racing. Per ciascuna di queste sezioni conquistano più spazio immagini, video e animazioni dei prodotti. Grande spazio anche al mondo delle corse con statistiche, dati tecnici e curiosità sui campionati Formula 1, MotoGP, Superbike e Nascar. Enel (EUR : 4,128): il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso presentato da Enel contro la sentenza del Tar del Lazio che aveva bloccato il progetto per la realizzazione di un rigassificatore a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento. Enel Green Power (EUR : 1,74): l’amministratore delegato Francesco Starace ha dichiarato in un’intervista rilasciata al quotidiano francese La Tribune che il gruppo energetico italiano parteciperà il prossimo ottobre ad una gara per la costruzione di un impianto idroelettrico in Francia. Inoltre Starace ha escluso l’estensione della partnership tra Enel e Électricité de France (EDF) nel nucleare al settore delle energie rinnovabili. Generali (EUR : 13,4): secondo rumors di stampa, la compagnia di assicurazioni italiana sarebbe tuttora in trattative con la banca russa Vtb (che possiede l’1% di Generali) per la creazione di una joint venture in Russia con il partner ceco Ppf. L’Espresso (EUR : 1,658): ha registrato una crescita semestrale sia a livello di fatturato che dei risultati economici. In dettaglio, i ricavi netti consolidati ammontano a 457,4 milioni di Euro, in aumento del 2,8% rispetto al primo semestre del 2010, il risultato operativo si attesta a 63 milioni (+11,1%) mentre il risultato netto mostra una crescita del 10,1% a 31,5 milioni di Euro. Mediaset (EUR : 3,112): Dmt ha smentito la notizia apparsa su La Repubblica, secondo cui in Biscione, attraverso la controllata Elettronica Industriale, avrebbe trovato l’accordo per incorporare le torri di broadcasting di DMT. Nel comunicato, DMT conferma che le negoziazioni stanno comunque proseguendo.

Eyesight – Obbligazionario: si allenta sempre di più la tensione sulle obbligazioni italiane. Il differenziale di rendimento tra il Btp e Bund tedeschi a dieci anni è sceso questa mattina sotto i 300 bp ed in prossimità della chiusura si attesta sui minimi a 283 bp.

Continua la lettura dell’articolo su Economic Blog

Posted in Economic blog0 Comments

Sintesi della giornata finanziaria: 15 luglio 2011

borsa italia,borsa estero,finanza,macroeconomia,imprese,analisi tecnica,economia,covered warrant,certificates,ftsemib,euro stoxx 50,indici azionari,unipol,italiaAzioni Italia

Banco Popolare (EUR : 1,439): in rialzo dopo la notizia, riportata da Il Sole 24 Ore, secondo cui il Consiglio di Sorveglianza ed il Consiglio di Gestione dell’istituto scaligero si riuniranno entro il weekend per deliberare un piano di fusione delle principali controllate. Fiat (EUR : 7,08): secondo rumors di stampa statunitensi l’amministratore delegato Sergio Marchionne è pronto ad annunciare la fusione tra Fiat e Chrysler ed ha cominciato a scegliere i manager che guideranno la nuova entità congiunta. Gruppo Editoriale L’Espresso (EUR : 1,69): il gruppo ha conseguito a maggio e giugno dai siti dei quotidiani locali un traffico di tre milioni e mezzo di utenti unici mensili e più di trenta milioni di pagine viste. Il gruppo con diciotto siti web scommette molto nell’integrazione con social network e contenuti dal basso e con la testata Il Tirreno, che supera i 600 mila utenti unici mensili, ha recentemente varato un nuovo ed esclusivo sistema di coinvolgimento delle varie realtà cittadine. Si chiama Connettilivorno e consente a decine di utenti di partecipare direttamente al flusso informativo del giornale. Mediolanum (EUR : 2,762): in calo a Piazza Affari in scia all’inchiesta sulla presunta soffiata giunta alla società circa un’ispezione della Guardia di Finanza.

Eyesight – Italia: secondo dati divulgati dall’Istat l’inflazione a giugno su base mensile il Consumer price index (CPI) è di +0,1%, come a maggio e nelle attese degli operatori. Confermato anche il dato annuale a +2,7%. Il dato armonizzato ai criteri dell’Unione Europea, è sempre +0,1% m/m mentre su base annua il valore è +3,0%.

Macro – Unipol: continua a scambiare all’interno di un ripido canale ribassista che ha preso il via dai top di fine aprile. In caso di continuazione di tale tendenza, il primo importante supporto è da verificarsi a 0,30 centesimi di Euro mentre il successivo si localizza sulla parte inferiore del canale ribassista citato in precedenza (ora a 0,28 centesimi). I ritracciamenti di Fibonacci indicano a 0,18 centesimi il successivo sostegno. Viceversa, qualora le quotazioni dovessero rimbalzare dagli attuali livelli, il primo importante ostacolo è rappresentato dalla MM a 21 gg dove al momento è situata anche la parte superiore del canale ribassista. Il deciso breakout di tali resistenze dinamiche potrebbe favorire allunghi fino ai successivi target di prezzo che è consigliabile venire fissato inizialmente a 0,44 e a 0,465 centesimi di Euro, e quindi sui top dell’anno in area 0,55. I principali

Continua la lettura dell’articolo su Economic Blog

Posted in Economic blog0 Comments

Sintesi della giornata finanziaria: 07 luglio 2011

borsa italia,borsa estero,finanza,macroeconomia,imprese,analisi tecnica,economia,covered warrant,certificates,ftsemib,euro stoxx 50,indici azionari,intesa sanpaolo,retailAzioni Italia

A2A (EUR : 1,042): si è tenuto oggi il consiglio di sorveglianza con all’ordine del giorno il riassetto di Edison. Secondo indiscrezioni, avrebbe prevalso la linea dell’accordo sulla base del piano dei mesi precedenti, che vede Électricité de France (Edf) guadagnare il controllo di Edison (con le centrali a gas) e A2A mettere le mani sulle centrali idroelettriche del gruppo. L’altra ipotesi invece prevedeva di tentare di migliorare l’accordo sulla base del più alto valore che le centrali gas avrebbero guadagnato post evento di Fukushima. ErgyCapital (EUR : 0,4088): ha avviato, tramite la Società Agricola S. Vito Biogas, un nuovo progetto nel settore del biogas. L’impianto, localizzato nel Comune di San Vito al Tagliamento (PN) e con una potenza di 999 kW, ha già ottenuto le autorizzazioni necessarie alla costruzione e la società ha finalizzato l’acquisto dell’area di realizzazione dello stesso ed ha cominciato le attività per l’apertura del cantiere. L’inizio della fase produttiva dell’impianto è prevista entro il 1H12. Impregilo (EUR : 2,098): gli analisti di Equita hanno confermato la raccomandazione “buy” sul titolo con target price a 3,95 Euro. Da indiscrezioni, le risorse derivanti dalla manovra finanziaria varata dal governo, serviranno a sbloccare i lavori per il terzo valico Milano-Genova, opera del valore totale di 5 miliardi di Euro il cui general contractor è il Cociv (consorzio di imprese guidato appunto da Impregilo al 50%). Pirelli (EUR : 7,675): la controllata Pirelli Ambiente avrebbe in programma un riassetto delle attività svolte. In particolare, l’acquisto del 16% di Gwm Renewable Energy II (veicolo che controlla le attività delle energie rinnovabili del gruppo Gwm), investendo 10 milioni id Euro e vendendo alla stessa Gwm la quota della joint venture Gp Energia (attività nel fotovoltaico) per 15 milioni. In più, la cessione di asset considerati non core, come il 49% delle iniziative nella produzione di Cdr (certificati ambientali) e bonifiche ambientali. TI Media (EUR : 0,2343): dopo le voci su un possibile interesse della famiglia Murdoch verso la controllata di Telecom Italia che hanno sostenuto i corsi nei giorni scorsi, oggi il titolo cede oltre il 2% dopo la notizia che sullo scandalo che coinvolge News of the World, tabloid britannico di proprietà di Rupert Murdoch, accusato dalle autorità di aver effettuato intercettazioni illegali.

Memo – Autostrade: le concessionarie autostradali sono contrarie alla norma della Manovra che prevedrebbe che i beni in concessione, come quelli appunto delle concessionarie, debbano essere

Continua la lettura dell’articolo su Economic Blog

Posted in Economic blog0 Comments

Sintesi della giornata finanziaria: 29 giugno 2011

borsa italia,borsa estero,finanza,macroeconomia,imprese,analisi tecnica,economia,covered warrant,certificates,ftsemib,euro stoxx 50,indici azionari,cac 40,air france-klmAzioni Italia

Azimut (EUR : 6,14): ha avviato una partnership con Siqurgest in Svizzera per la gestione e distribuzione di fondi di investimento per la clientela istituzionale e la consulenza ai patrimoni di clienti privati (i cosiddetti high net worth individuals). BPM (EUR : 1,55): secondo la stampa, alla vigilia dell’assemblea di sabato l’istituto ha ricevuto una lettera di Bankitalia in cui, oltre a invitare Cda e collegio sindacale a impegnarsi per fare approvare le modifiche statutarie, si riservava ogni decisione sulla distribuzione del dividendo 2010 e sul rimborso dei Tremonti bond. Fiat Industrial (EUR : 8,84): conferma gli obiettivi 2011 e ribadisce i target per gli anni successivi (al 2014); in particolare sul 2011 sono confermati gli obiettivi di utile netto a 600 milioni di Euro ed un debito netto industriale tra 1,8-2 miliardi. Telecom Italia (EUR : 0,94): per il quotidiano romano “Il Messaggero”, l’advisor Lazard avrebbe suggerito a Telco di abbassare il prezzo di carico della partecipata da 2,2 Euro ad un valore intorno a 1,8. In contemporanea continua la corsa di Telecom Italia ai nuovi servizi digitali con l’aggiunta dei contenuti Disney e le serie tv ABC Studios più rinomate disponibili sulla multipiattaforma broadband Cubovision. I contenuti on demand andranno ad arricchire la library di Cubovision, del widget Cubovision disponibile sulle tv connesse e Smart tv, della Web tv (www.cubovision.webtv.it), dell`IPTV di Telecom Italia e anche in mobilità grazie alla nuova applicazione Cubovision Mobile.

Eyesight – Trasporto Aereo: riparte in piena forma la compagnia aerea franco-olandese Air France-KLM (EUR : 10,47) dopo le forti perdite registrate da inizio 2011, grazie ad un upgrade di Citigroup a buy. Intanto la fusione tra la compagnia aerea francese Air France e Alitalia starebbe diventando più vicina. Secondo quanto riportato dal quotidiano “Il “Messaggero”, i dirigenti della compagnia aerea italiana si sarebbero incontrati mercoledì scorso a Milano con i loro consulenti legali e finanziari per studiare le modalità della operazione. All’incontro potrebbe aver partecipato anche Jean-Cyril Spinetta, presidente e amministratore delegato di Air France. L’obiettivo sarebbe di decidere la fusione alla fine di quest’anno per poter procedere all’integrazione delle due compagnie nel 2012.  

Continua la lettura dell’articolo su Economic Blog

Posted in Economic blog0 Comments

Sintesi della giornata finanziaria: 09 giugno 2011

borsa italia,borsa estero,finanza,macroeconomia,imprese,analisi tecnica,economia,covered warrant,certificates,ftsemib,euro stoxx 50,indici azionari,internetAzioni Italia

Enel Green Power (EUR : 1,913): ha raggiunto l’accordo con Portugal Termica per acquisire l’ulteriore 50% del capitale sociale della società lusitana. L’operazione, che avverrà tramite la controllata Finerge, aggiungerà 30,8 megawatts alla capacità di Egp in Portogallo. Fiat (EUR : 7,10): secondo alcuni quotidiani, il bilancio pro-forma al 31 dicembre 2010 con Chrysler vede ricavi per 67 miliardi di Euro, un utile operativo di 2,16 miliardi, un risultato netto di 496 miliardi, di cui 302 milioni attribuibili ai soci della controllante e un indebitamento netto delle attività industriali di 6,35 miliardi di Euro. Mediaset (EUR : 3,518): arricchisce la sua offerta pay del digitale terrestre. Dal prossimo 1 luglio su Mediaset Premium partiranno infatti 2 nuovi canali: Premium Crime (dedicato agli appassionati del giallo e del poliziesco) e Premium Cinema Comedy (per gli amanti della commedia italiana e americana). Tod’s (EUR : 89,15): il presidente della società, Diego Della Valle, ha incontrato questa mattina l’amministratore delegato di Mediobanca Alberto Nagel nella sede di Piazzetta Cuccia. Il presidente della società toscana non ha voluto rilasciare commenti ma secondo una fonte i temi sul tavolo sarebbero stati vari. Trevi (EUR : 10,39): si è aggiudicata nuove commesse per un importo complessivo di circa 96 milioni di Euro. I contratti si riferiscono a importanti lavori portuali realizzati nell’Africa occidentale. La società sarà inoltre impegnata nella realizzazione di due ponti per complessivi 12.4 milioni. In Italia la società sarà impegnata nel consolidamento del terreno e nella realizzazione di una galleria in Senigallia, per un importo pari a circa 15 milioni di Euro. Unipol (EUR : 0,421): non ha in programma un aumento di capitale e le forti vendite che si sono abbattute sul titolo nella seduta di ieri non sono legate ad operazioni di smobilizzo di quote di qualche socio della società emiliana.

Continua la lettura dell’articolo su Economic Blog

Posted in Economic blog0 Comments

Sintesi della giornata finanziaria: 06 maggio 2011

ws_Gadgets_&_Books_1152x864.jpgAzioni Italia

BPM (EUR : 2,266): gli analisti di Standard & Poor’s nel confermare i rating “A-” long term e “A-2” short term della Banca Popolare di Milano hanno portato l’outlook da “negativo” a “stabile”. Credem (EUR : 4,56): la società Standard & Poor’s ha confermato i rating long term (A-) e short term (A-2) di Credito Emiliano, ribadendo l’outlook a ‘stabile’. Iren (EUR : 1,37): ha svalutato per 13,7 miliardi di Euro la propria partecipazione in Delmi, holding a monte della catena di controllo di Edison (di cui detiene il 15%), in linea con quanto fatto dagli altri soci di Foro Buonaparte, Électricité de France e A2A. Italcementi (EUR : 7,24): la società del gruppo, Ciments Français, ha chiuso i primi tre mesi 2011 con ricavi in crescita a 972,6 milioni di Euro (+7% rispetto al 1Q10), mentre il risultato operativo si è attestato a 56,8  milioni (-7,1%). Il risultato netto consolidato è salito a quota 142,1 milioni di Euro rispetto ai 28,1  milioni del 1Q10. La società precisa in una nota che l’andamento dei risultati del gruppo per il 2011 dovrebbe riflettere le tendenze positive riscontrate in India, Tailandia e Marocco che dovrebbero compensare la diminuzione dei risultati in Egitto, considerata la situazione politica del paese. Recordati (EUR : 7,23): ha chiuso il primo trimestre con un utile netto di 31,4 milioni di Euro, +4,8 rispetto ai 30 milioni registrati nel 1Q10. Salgono anche i ricavi che, con un +6,4%, si portano a 197,8 milioni. Per l’intero 2011 la società prevede registrare ricavi per circa 750 milioni di Euro, un utile operativo di 160 milioni e un utile netto di 110 milioni. Snai (EUR : 2,42): sta per acquistare Cogetech e New game, società che operano nella raccolta delle scommesse sportive e nel commercio dei giochi in un’operazione di totali 141 milioni di Euro di cui 67 milioni saranno corrisposti attraverso una nuova emissione di azioni Snai a 2,45 Euro.

Macro – Consumo: la fiducia sulla situazione italiana a dodici mesi registra una lieve ripresa dopo la contrazione del mese scorso. Il settore Elettronica di consumo appare in diminuzione; nonostante il trend negativo è infatti interessante notare  che le previsioni d’acquisto sono migliori del dato di aprile del 2010. Nella telefonia le previsioni di spesa massima sono in lieve crescita (183 Euro), mentre quelle del comparto informatico sono in lieve calo (538 Euro). Anche il comparto Elettrodomestici è in

Continua la lettura dell’articolo a questo indirizzo

Posted in Economic blog0 Comments

Sintesi della giornata finanziaria: 02 maggio 2011

mango_fall_collection__claudia_schiffer_4_1280x960_fashion_wallpaper.jpgAzioni Italia

Autogrill (EUR : 9,785): ben comprata oggi a Piazza Affari in seguito alla pubblicazione dei dati ATA sul traffico aereo statunitense che è cresciuto del 2,6% lo scorso marzo. La media da inizio anno è quindi di un rialzo pari al 2,3%. Fiat (EUR : 7,485): la controllata statunitense Chrysler ha evidenziato nel 1Q11 un utile netto di 116 milioni di dollari a fronte di un fatturato in rialzo a 13,12 miliardi (+35% sul 1Q10). Le vendite mondiali di veicoli sono salite nei tre mesi del 18% (60.000 unità) rispetto all’anno prima. L’utile operativo modificato è pari a 477 milioni di dollari. Per l’intero 2011 le attese di utile netto sono nel range 0,2-0,5 miliardi e l’utile operativo modificato è confermato atteso attorno a 2 miliardi a fronte di un fatturato stimato superiore a 55 miliardi di dollari. Recordati (EUR : 7,215): ha lanciato in Spagna la pitavastatina che sarà commercializzata dalla filiale locale con il marchio Livazo e dal partner Esteve con il brand Alipza. Il farmaco è indicato per la riduzione dei livelli elevati di colesterolo totale e colesterolo Ldl in pazienti adulti con ipercolesterolemia primaria e dislipidemia combinata. Telecom Italia (EUR : 1,019): ha attivato, insieme alla Regione Lombardia, un piano per fornire internet veloce al 100% della popolazione lombarda, in due anni, con investimenti complessivi per 100 milioni di Euro. Tod’s (EUR : 89,75): gli analisti di Cheuvreux hanno abbassato il rating di Tod’s a “underperform'” dal precedente  “outperform”.

Continua la lettura dell’articolo a questo indirizzo

Posted in Economic blog0 Comments

Vertice Italia-Francia, Berlusconi conferma a EDF: "Il nucleare è l’avvenire". E il referendum?

Lo avete letto o lo state leggendo su tutti i giornali; lo avrete visto in tutti i Tg: il nostro presidente del Consiglio ha svelato il bluff a proposito della costruzione di nuove centrali nucleari in Italia. Ossia, la moratoria e l’emendamento che ferma la ripresa del nucleare in Italia, sono strumenti temporanei di fermo. Tra un paio di anni, finita la paura per quanto sta accadendo in Giappone a Fukushima Daiichi, come conseguenza del terremoto e dello tsunami dello scorso 11 marzo, si riprenderanno i progetti attualmente congelati con EDF. La gravità politica di questa dichiarazione ve la lascio leggere su Polisblog.

Le parole, non sono state carpite ma pronunciate durante il vertice italo-francese in una ufficialissima conferenza stampa seguita al vertice italo francese con il Presidente Nicolas Sarkozy. Ragazzi, era tutto vero quanto scritto sin qui: la moratoria sulla costruzione delle centrali nucleari prima e l’emendamento ideato da Francesco Rutelli, ossia l’abrogazione (temporanea perciò) nel decreto Omnibus della legge per il nucleare sono trucchi ideati per menare il can per l’aia e far perdere giusto un po’ di tempo. Ma sopratutto togliere di mezzo il referendum.

Se errore c’è stato in quel referendum appartiene a tutti coloro che lo hanno presentato. Colgo, l’analisi fatta ieri sera da Paolo Mieli durante l’intervista su La 7 con Antonello Piroso. Spiega Mieli che era meglio non attaccarci, accanto alle domande su nucleare e acqua pubblica, anche quella sul legittimo impedimento. Forse l’elezione avrebbe avuto miglior sorte. Per la votazione sul referendum non resta che attendere il parere della Cassazione.

Vertice Italia-Francia, Berlusconi conferma a EDF: “Il nucleare è l’avvenire”. E il referendum? é stato pubblicato su Ecoblog.it alle 08:49 di mercoledì 27 aprile 2011.



Continua la lettura dell’articolo a questo indirizzo

Posted in Economic blog0 Comments

Lira Turca valuta emergente in controtendenza

Turkish_Lira_by_Faymara.jpg

A partire dal secondo semestre del 2010 la Lira Turca ha registrato un andamento anomalo rispetto alle valute degli altri Paesi emergenti caratterizzati da una congiuntura in forte crescita. La Lira Turca ha perso terreno sia contro l’euro sia contro il dollaro statunitense nonostante lo scorso anno l’economia del Paese abbia registrato un progresso di circa l’8 per cento. A frenare la valuta ha contribuito la decisione della Türkiye Cumhuriyet Merkez Bankası (la Banca Centrale Turca) di tagliare i tassi di interesse intervenuta per cercare di frenare gli afflussi di capitali esteri.

Continua la lettura dell’articolo a questo indirizzo

Posted in Economic blog0 Comments

104 queries in 0,629 seconds.